venerdì, 19 luglio 2024
Medinews
28 Aprile 2021

NUOVE LINEE GUIDA DELLA SOCIETA’ EUROPEA DI UROLOGIA SULL’USO DELL’ESTRATTO ESANICO DI SERENOA REPENS CONTRO I LUTS. L’INTERVISTA AL PROF. MAURO GACCI

La Società Europea di Urologia (EAU, European Association of Urology) ha appena rilasciato nuove Linee Guida per il trattamento dei LUTS (Lower Urinary Tract Symptoms), l’insieme dei sintomi delle basse vie urinarie che può colpire uomini e donne in qualsiasi momento della vita, con una prevalenza nei maschi adulti, che aumenta progressivamente con l’età, raggiungendo dopo i 65 anni il 50% della popolazione e dopo gli 80 anni il 70%. I disturbi possono essere legati all’incontinenza, all’incremento della frequenza minzionale e alla sua urgenza, soprattutto notturna. Il flusso dell’urina può inoltre essere debole e accompagnato da bruciore. Dopo la minzione è possibile vi sia una sensazione di svuotamento vescicale incompleto e piccole perdite di urina. LA EAU ha eseguito un’ampia e completa ricerca bibliografica relativa alla fitoterapia ed in particolare all’uso dell’estratto esanico di Serenoa repens, soprattutto per il trattamento di prostatiti e ipertrofia prostatica benigna ed elaborato un nuovo inquadramento della chirurgia. Il Prof. Mauro Gacci, dirigente medico Chirurgia urologica mini-invasiva, robotica e dei trapianti renali, AOUC Careggi è anche membro del Comitato delle linee guida europee per la cura e lo studio della patologia prostatica.

Prof. Gacci, quali le novità sul fronte chirurgico?

Nell’edizione del 2021 delle linee guida della Società Europea di Urologia sono state introdotte numerose novità, soprattutto per quanto riguarda il trattamento chirurgico e trattamento medico dell’ipertrofia prostatica benigna. In particolare per quanto riguarda il trattamento chirurgico, il Panel delle Linee Guida di cui faccio parte ha preferito cambiare la metodica di approccio a questa sezione, introducendo la procedura chirurgica piuttosto che la macchina o il device che viene utilizzato. Quindi abbiamo diviso l’approccio chirurgico in cinque punti: la resezione che è quella che tradizionalmente viene eseguita, la enucleazione, la vaporizzazione che può essere realizzata con numerose metodiche, le tecniche ablative alternative e le cosiddette tecniche non ablative. Questo rende sicuramente la comprensione degli approcci chirurgici più facile sia per gli specializzandi – consideriamo che questo è un testo di riferimento in tutto il mondo – sia per i pazienti, quando, in sede di counseling, cerchiamo di spiegare l’intervento che verrà eseguito.

Quali gli aggiornamenti dal punto di vista della terapia medica?

In questo ambito abbiamo messo mano al grosso campo che è il trattamento fitoterapico e la Nutraceutica. In questo caso abbiamo voluto estrarre dal mare magnum della letteratura i lavori più significativi riguardo la Serenoa repens: abbiamo identificato oltre 100 lavori nella letteratura corrente e di questi 21 sono stati esaminati dal gruppo delle Linee Guida, che si è concentrato sull’estratto esanico della Serenoa repens. È importante perché questo estratto sembra diverso dagli altri fitoterapici che di solito venivano analizzati insieme ad esso.

Queste Linee Guida intervengono per tutelare la salute sessuale del paziente. Come?

Una maggiore attenzione alla sfera sessuale del paziente è stata data dalle Linee Guida, sia per quanto riguarda l’ambito chirurgico che per quello medico. Nel primo caso la grossa novità, in tutte le metodiche che ho precedentemente elencato, è la maggior cura nella preservazione dell’eiaculazione: pazienti che oggi vanno incontro a chirurgia dopo i 60 anni o anche dopo i 70, hanno modo di avere un recupero dell’attività sessuale che si correla ad una richiesta sempre maggiore di una sessualità normale. In questo senso, operare procedure chirurgiche con una maggiore attenzione sulla preservazione della eiaculazione è un qualcosa che viene richiesto sempre di più dai nostri pazienti.

Qual è il vantaggio terapeutico della Serenoa repens?

Quanto alla terapia medica è chiaro che ogni farmaco che viene utilizzato in ambito medico può avere delle implicazioni dal punto di vista dell’attività sessuale. Sappiamo quanto molti farmaci per l’ipertrofia prostatica benigna possano impattare sull’erezione, sulla libido dei pazienti e anche sull’eiaculazione. Ci sono pochi farmaci in grado di impattare poco sull’attività sessuale come la Serenoa repens e ne esistono alcuni che coniugando il miglioramento dell’attività urinaria, permettono anche un miglioramento dell’attività sessuale.

Sull’uso della Serenoa repens c’è però molto fai da te…

L’estratto esanico di Serenoa repens è un farmaco, pertanto deve essere prescritto e somministrato sotto il controllo medico. Sicuramente il suo vantaggio è di avere una significativa azione nel ridurre gli episodi di nicturia (quel fastidioso sintomo che costringe il paziente ad alzarsi la notte per andare a urinare) e quindi questo migliora complessivamente la qualità di vita del paziente, avendo un minimo impatto sulla sessualità del paziente stesso.

In cosa l’estratto esanico di Serenoa repens si differenzia rispetto agli integratori che si possono acquistare liberamente in farmacia e che hanno anche una grande eco mediatica?

La Serenoa repens in farmacia è disponibile in tantissime formulazioni. La stragrande maggioranza di queste fa parte dei cosiddetti integratori alimentari. L’estratto esanico di Serenoa repens, che è un farmaco, si differenzia da questi integratori per la sua metodica di estrazione.

TORNA INDIETRO