sabato, 5 dicembre 2020
Medinews
4 Agosto 2009

USA, SI RIDUCE NUMERO DI INFARTI ACUTI DEL MIOCARDIO

Il numero di casi annuali di infarto miocardico acuto con elevazione del tratto ST negli Stati Uniti è in continua e costante diminuzione ed ha raggiunto i tassi più bassi dal 1996, indipendentemente da sesso o etnia. Lo conferma il dott. Mohammad Reza Movahed della University of Arizona Sarver Heart Center di Tucson, che indica questo effetto come conseguenza del progresso nelle cure dell’arteriosclerosi e della prevenzione dei fattori di rischio, come i livelli elevati di colesterolo. Lo studio ha preso in considerazione più di 1,3 milioni di pazienti, con età media di 66 anni e diagnosi di infarto tra il 1988 e il 2004. Gli uomini colpiti da infarto erano circa il doppio rispetto alle donne (62 percento contro 38 percento, rispettivamente). Mentre nei primi otto anni, il tasso di incidenza di infarto miocardico acuto è rimasto invariato, dal 1996 al 2004 si è osservata una diminuzione costante, fino a ridursi della metà rispetto al periodo precedente (50 casi per 100.000 ogni anno).

Reuters Health – American Journal of Cardiology
TORNA INDIETRO