venerdì, 19 luglio 2024
Medinews
7 Maggio 2013

LAPATINIB E CAPECITABINA NELLE METASTASI CEREBRALI NON TRATTATE DI TUMORE MAMMARIO HER2-POSITIVO: STUDIO LANDSCAPE DI FASE 2

La combinazione dei due farmaci sarebbe attiva nel trattamento di prima linea delle metastasi cerebrali in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo. Le metastasi cerebrali si manifestano nel 30 – 50% delle pazienti con tumore metastatico della mammella HER2-positivo. Con metastasi cerebrali diffuse, il trattamento si basa sulla radioterapia panencefalica (WBRT); mentre poche opzioni sistemiche sono disponibili. Ricercatori francesi hanno esaminato la combinazione di lapatinib e capecitabina nel trattamento delle metastasi cerebrali, non trattate precedentemente, di tumore mammario HER2-positivo. Lo studio multicentrico di fase 2, aperto, in singolo braccio, LANDSCAPE, pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology (leggi abstract), ha valutato pazienti eleggibili con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo e metastasi cerebrali non trattate precedentemente con WBRT, capecitabina o lapatinib. Il trattamento è stato somministrato a cicli di 21 giorni e consisteva di lapatinib (1250 mg per os al giorno) e capecitabina (2000 mg/m2 per os dal giorno 1 al giorno 14). Endpoint primario era la proporzione di pazienti che mostravano risposta obiettiva a livello del sistema nervoso centrale (CNS), definita come riduzione volumetrica, uguale o superiore al 50%, delle lesioni al CNS in assenza di aumentato utilizzo di steroidi, progressione dei sintomi neurologici e progressione della malattia al di fuori del CNS. Tutte le risposte dovevano essere confermate 4 settimane dopo la risposta iniziale. Analisi di efficacia hanno incluso tutte le pazienti che hanno ricevuto i farmaci in studio e che erano valutabili con criteri di efficacia. Tra il 15 aprile 2009 e il 2 agosto 2010 sono state arruolate 45 pazienti, 44 delle quali (98%) erano valutabili in termini di efficacia a un follow-up mediano di 21.2 mesi (range: 2.2 – 27.6). Tra queste, 29 pazienti hanno mostrato una risposta obiettiva al CNS (65.9%; IC 95%: 50.1 – 79.5): tutte risposte parziali. Tra le 45 pazienti trattate, 22 (49%) hanno sviluppato eventi avversi di grado 3 o 4 correlati al trattamento, i più comuni erano diarrea (n = 9; 20%) e sindrome mano-piede (n = 9; 20%); 14 pazienti (31%) hanno manifestato almeno un evento avverso grave e il trattamento è stato interrotto per tossicità in 4 donne. Non è stato osservato alcun decesso per tossicità. In conclusione, la combinazione di lapatinib con capecitabina è risultata attiva nel trattamento di prima linea delle metastasi cerebrali in pazienti con carcinoma mammario HER2-positivo. Gli autori auspicano il proseguimento della ricerca con uno studio di fase 3.
TORNA INDIETRO