martedì, 23 luglio 2024
Medinews
1 Marzo 2019

Impact of somatic molecular profiling on clinical trial outcomes in rare epithelial gynecologic cancer patients

Conducting clinical trials in rare malignancies is challenging due to the limited number of patients and differences in biologic behavior. We investigated the feasibility and clinical utility of using genomic profiling for rare gynecologic malignancies. Rare epithelial gynecologic cancer patients were analyzed for somatic variants through an institutional molecular profiling program using the Sequenom MassArray platform or the TruSeq Amplicon Cancer Panel on the … (leggi tutto)

Lo studio rivede retrospettivamente l’impatto della ricerca del profilo molecolare sull’outcome in 767 pazienti con tumore ovarico trattate in 3 anni di cui il 27% affette da tumori rari.
La prima considerazione è che i tumori ovarici rari in ginecologia oncologica non sono così rari, la seconda è che scegliere un trattamento legato al profilo mutazionale della paziente è fattibile perché questo non si traduce in un ritardo all’inizio del trattamento rispetto alle pazienti un cui il trattamento è stato effettuato in studi che non necessitavano dell’indagine biomolecolare. La terza considerazione è sull’utilità di questo approccio da un punto di vista dell’outcome in quanto non si sono evidenziate differenze in risposta al trattamento tra le pazienti la cui terapia era stata scelta sulla base del profilo molecolare vs le altre, sebbene all’interno dei tumori sierosi di basso grado 4 risposte parziali sono state identificate nelle 13 pazienti trattate con MEK inibitori sulla base del profilo molecolare.
Credo che questo ultimo aspetto (l’impatto sull’outcome) necessiti di trial prospettici e randomizzati.
TORNA INDIETRO