sabato, 13 luglio 2024
Medinews
6 Giugno 2019

Development of Peritoneal Carcinoma in women diagnosed with Serous Tubal Intraepithelial Carcinoma (STIC) following Risk-Reducing Salpingo-Oophorectomy (RRSO)

The management of Serous Tubal Intraepithelial Carcinoma (STIC) found at the time of Risk-Reducing Salpingo-Oophorectomy (RRSO) remains unclear. We set out to analyse the incidence of peritoneal carcinomas developed after prophylactic surgery and to formulate further guidance for these patients. This is a retrospective study of 300 consecutive RRSO performed at the Royal Marsden Hospital between January 2008 and January 2017. The median age at RRSO was … (leggi tutto)

Lo studio rivaluta retrospettivamente una casistica di 300 pazienti sottoposte ad annessiectomia profilattica nella maggior parte dei casi per presenza della mutazione BRCA. Lesioni intraepiteliali sierose tubariche (STIC) oggi considerate la lesione pre-neoplastica del carcinoma sieroso di alto grado sono state identificate nel 2,3% delle pazienti e 2/7 pazienti hanno successivamente sviluppato un carcinoma sieroso di alto grado del peritoneo a 53 e 75 mesi dalla chirurgia profilattica e in una paziente un vero e proprio carcinoma è stato identificato al momento della chirurgia profilattica (0,3%).
È sempre buona norma, quando si effettua una chirurgia profilattica specie nelle pazienti mutate, sottoporre la tuba ad un protocollo di sequenziamento particolare finalizzato alla identificazione dello STIC come noto in tutte le anatomie patologiche. Alla luce di questo dato potrebbe essere utile effettuare comunque una blanda stadiazione intraperitoneale con biopsie random e citologia.
TORNA INDIETRO