mercoledì, 14 aprile 2021
Medinews
16 Ottobre 2012

ASSOCIAZIONE DI CETUXIMAB A FOLFOX4 DOPO RESEZIONE DEL TUMORE AL COLON CON MUTAZIONE KRAS IN STADIO III

L’analisi dello studio di intergruppo, di fase III, PETACC8 (Pan-European Trial in Alimentary traCt Cancer #8), presentata dal prof. Julien Taieb dell’Hopital Européen Georges Pompidou di Parigi, ha mostrato che non si ottiene beneficio dall’aggiunta di cetuximab a FOLFOX4 nei pazienti con tumore del colon in stadio III, che presenta mutazione KRAS (mKRAS), sottoposti a resezione, ricordando anche che i risultati globali erano molto simili a quelli ottenuti nei pazienti portatori di KRAS ‘wild-type’. FOLFOX4 è la terapia adiuvante standard per il trattamento del carcinoma del colon in stadio III, dopo la resezione. Lo studio PETACC8 ha valutato il potenziale beneficio dell’aggiunta di cetuximab a FOLFOX4 in questi pazienti. Inizialmente lo studio PETACC8 aveva arruolato pazienti indipendentemente dallo stato KRAS, ma in questa presentazione sono descritti i risultati di efficacia e tollerabilità nei pazienti con mKRAS, prima della correzione del protocollo dello studio che limitava l’arruolamento ai soli pazienti con tumori KRAS ‘wild-type’. I pazienti dopo aver firmato il consenso informato sono stati randomizzati da 28 a 56 giorni dopo la resezione a 12 cicli quindicinali di FOLFOX4, contenente oxaliplatino (85 mg/m2 al giorno 1), combinato a leucovorin (200 mg/m2), 5-fluorouracile (5FU) (400 mg/m2 in bolo endovenoso), seguito da infusione endovenosa della durata di 22 ore di 5FU (600 mg/m2) al giorno 1 e 2, da solo (braccio A) o in associazione a cetuximab (braccio B) (250 mg/m2 alla settimana, 400 mg/m2 al ciclo 1). I tessuti tumorali sono stati esaminati per lo stato KRAS e l’analisi presentata si è focalizzata sui pazienti che presentavano tumore al colon con mKRAS. Endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia (DFS), mentre i secondari includevano la sopravvivenza globale (OS), l’aderenza al trattamento e la tossicità. Sono state eseguite analisi di sottogruppo. Prima della restrizione ai pazienti con tumori KRAS ‘wild-type’, sono stati arruolati 742 pazienti con tumore al colon mKRAS (374 nel braccio A e 368 nel braccio B). Il follow-up mediano di questo gruppo è risultato di 45.4 mesi. Nello studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology (vedi pag. ix178, Abstr. 520O), non è stata osservata differenza tra i bracci in termini di DFS (HR 1.06, IC 95%: 0.82 – 1.37; p = 0.65): la DFS a 3 anni è risultata del 71.0% (IC 95%: 66.0 – 75.43) nel braccio A e del 70.7% (IC 95%: 65.6 – 75.1) nel braccio B. Nessun beneficio statistico è stato osservato con cetuximab nei sottogruppi analizzati. La frequenza di qualsiasi evento avverso di grado ≥ 3 era significativamente aumentata nel braccio B con cetuximab (68.4 vs 81.0% nel braccio A vs braccio B; RR 1.18; IC 95%: 1.09 – 1.29). Anche diarrea, astenia, mucosite, problemi cutanei (di grado ≥ 3) e insuccesso nel completare i 12 cicli erano significativamente più elevati nel braccio B. In conclusione, l’analisi di questo studio randomizzato di fase III non ha mostrato alcun beneficio con l’aggiunta di cetuximab a FOLFOX4 nei pazienti con tumore del colon in stadio III, mKRAS, dopo la resezione, con risultati globali molto simili a quelli osservati nei pazienti portatori di KRAS ‘wild-type’.

Scarica il volume degli abstract del Congresso ESMO 2012
TORNA INDIETRO