sabato, 13 luglio 2024
Medinews
16 Gennaio 2014

ASSENZA DI INTERAZIONE FARMACOCINETICA FARMACO-FARMACO DI PERTUZUMAB QUANDO SOMMINISTRATO IN COMBINAZIONE A TRASTUZUMAB E DOCETAXEL

Pertuzumab è un nuovo anticorpo monoclonale completamente umanizzato, anti-umano, del recettore 2 del fattore di crescita epidermico (HER2). Somministrato in combinazione con trastuzumab e docetaxel, pertuzumab ha mostrato migliorare la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale, rispetto alla semplice combinazione di trastuzumab e docetaxel, quando utilizzato nel trattamento di prima linea del tumore mammario metastatico HER2-positivo nello studio di fase III CLEOPATRA (NCT00567190). I ricercatori, coordinati dal gruppo di Barcellona, Vall d’Hebron University Hospital, VHIO, hanno condotto un sottostudio di farmacocinetica/ intervallo QT corretto di CLEOPATRA, su 37 pazienti, per valutare la potenziale interazione farmacocinetica farmaco-farmaco (DDI). I parametri farmacocinetici sono stati calcolati utilizzando metodi non compartimentali e sono state condotte analisi della DDI. In presenza di trastuzumab e docetaxel, le Cmin e Cmax medie di pertuzumab al ciclo 3 erano rispettivamente 63,6 e 183,0 μg/ml. Nello studio pubblicato sulla rivista Anticancer Drugs, le concentrazioni di pertuzumab osservate erano in accordo con quelle ottenute da simulazioni su un modello farmacocinetico validato di popolazione, che non avevano indicato alterazioni della farmacocinetica di pertuzumab con trastuzumab e docetaxel. La comparazione dei parametri farmacocinetici medi, geometrici, ‘least-square’, tra bracci non ha evidenziato alcun impatto di pertuzumab sulla farmacocinetica di trastuzumab o di docetaxel. In conclusione, nessuna interazione farmacocinetica farmaco-farmaco è stata osservata quando pertuzumab, trastuzumab e docetaxel sono stati combinati per il trattamento del tumore mammario metastatico HER2-positivo.
TORNA INDIETRO