mercoledì, 22 maggio 2019

Contenuto

17 aprile 2013

RITUXIMAB ASSOCIATO A BENDAMUSTINA VS CHOP NEL TRATTAMENTO DI PRIMA LINEA DEL LINFOMA INDOLENTE E MANTELLARE

Bendamustine plus rituximab versus CHOP plus rituximab as first-line treatment for patients with indolent and mantle-cell lymphomas: an open-label, multicentre, randomised, phase 3 non-inferiority trial. The Lancet 2013 Feb 19 [Epub ahead of print]
Rituximab in combinazione con la chemioterapia, più spesso CHOP (ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisone), rappresenta lo standard per il trattamento di prima linea nei pazienti con linfoma indolente avanzato e in quelli più anziani con linfoma mantellare. La combinazione di bendamustina e rituximab è risultata efficace nella recidiva o nella malattia refrattaria. Ricercatori tedeschi afferenti allo Study group indolent Lymphomas (StiL) hanno comparato l'associazione di bendamustina e rituximab a CHOP e rituximab (R-CHOP) nel trattamento di prima linea dei pazienti con linfoma indolente o mantellare in uno studio di non inferiorità, prospettico, aperto, multicentrico, randomizzato, di fase 3, che ha coinvolto 81 centri in Germania tra il 1 settembre 2003 e il 31 agosto 2008. I pazienti di 18 anni e oltre, con performance status WHO inferiore o uguale a 2, erano eleggibili se avevano ricevuto nuova diagnosi di linfoma indolente o mantellare in stadio III o IV. I pazienti arruolati sono stati stratificati per sottotipo istologico del linfoma e randomizzati, secondo una lista precedentemente specificata, alla somministrazione endovenosa di bendamustina (90 mg/m2 ai giorni 1 e 2 di un ciclo di 4 settimane) o CHOP (cicli ogni 3 settimane di ciclofosfamide 750 mg/m2, doxorubicina 50 mg/m2 e vincristina 1,4 mg/m2, al giorno 1, e prednisone 100 mg/giorno per 5 giorni) per un massimo di 6 cicli. A tutti i pazienti è stato somministrato rituximab, 375 mg/m2, al giorno 1 di ciascun ciclo. Pazienti e medici curanti erano a conoscenza dell'allocazione di trattamento. Endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, con un margine di non inferiorità del 10%. L'analisi statistica era per protocollo. In totale, 274 pazienti sono stati assegnati al trattamento con bendamustina e rituximab (261 analizzati) e 275 a R-CHOP (253 analizzati). Dopo un follow-up mediano di 45 mesi (IQR 25 - 57), la sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo di pazienti assegnati a bendamustina e rituximab che in quello a R-CHOP (69,5 mesi [IQR: 26,1 - non ancora raggiunto] vs 31,2 mesi [IQR: 15,2 - 65,7]; hazard ratio 0,58 [IC 95%: 0,44 - 0,74]; p < 0,0001). La combinazione di bendamustina e rituximab è risultata meglio tollerata di R-CHOP, con tassi più bassi di alopecia (0 vs 245 pazienti su 245 [100%] che hanno ricevuto ≥ 3 cicli; p < 0,0001), di tossicità ematologica (77 [30%] vs 173 [68%]; p < 0,0001), infezioni (96 [37%] vs 127 [50%]; p = 0,0025), neuropatia periferica (18 [7%] vs 73 [29%]; p < 0,0001) e stomatite (16 [6%] vs 47 [19%]; p < 0,0001), mentre reazioni cutanee di tipo eritematoso erano più comuni nel gruppo di pazienti trattati con bendamustina e rituximab che in quello R-CHOP (42 [16%] vs 23 [9%]; p = 0,024). In conclusione, nei pazienti con linfoma indolente mai trattato, la combinazione di bendamustina e rituximab può essere considerata un approccio di trattamento di prima linea preferito a R-CHOP per la migliore sopravvivenza libera da progressione e per il minor numero di effetti tossici.

Anteprima News

21/05/19

A BARI ARRIVA LA CAMPAGNA NAZIONALE #REUMADAYS

Gli specialisti della SIR 'scendono in piazza' contro le malattie reumatologiche

Bari, 21 maggio 2019 – Pericolose e potenzialmente invalidanti, subdole e molto diffuse ma ancora troppo spesso sottovalutate. Sono le malattie reumatologiche, oltre 150 diverse patologie che…
17/05/19

MALATTIE CRONICHE, 350MILA LOMBARDI GIA’ ASSISTITI DAL MEDICO DI FAMIGLIA
LA SIMG: “L’OBIETTIVO LA PRESA IN CARICO DI TUTTI I PAZIENTI ENTRO 5 ANNI”

Il dott. Aurelio Sessa: “Le cure primarie sono il “luogo ideale” dove curare patologie sempre più diffuse. Siamo i professionisti che meglio conosciamo il malato, le sue condizioni e il contesto in cui vive”

Varese, 17 maggio 2019 – Tutti i pazienti cronici lombardi devono essere presi in carico e assistiti da un medico di medicina generale che può diventare così il “regista” della loro assistenza.…
16/05/19

FONDAZIONE POLIAMBULANZA PREMIATA DAL POLITECNICO DI MILANO

Riconosciuti i risultati del progetto “Le Tecnologie ‘mobile’ nella gestione clinica ospedaliera” avviato nel 2012. Alessandro Triboldi: “Così riusciamo a garantire una maggiore qualità e sicurezza per i nostri pazienti”

Brescia, 16 maggio 2019 – Nuovo riconoscimento del Politecnico di Milano a Fondazione Poliambulanza per il suo impegno nell’informatizzazione dei percorsi clinici. L’istituto bresciano ha vinto il…
15/05/19

A RENDE ARRIVA LA CAMPAGNA NAZIONALE #REUMADAYS
AL CENTRO COMMERCIALE METROPOLIS UN INFO-POINT SU MALATTIE REUMATICHE

Il 20 e 21 maggio gli specialisti Reumatologi della SIR incontrano i cittadini per insegnare come giocare d'anticipo contro disturbi gravi ed invalidanti
che colpiscono 5 milioni di italiani. È prevista la diffusione di opuscoli e di altro materiale informativo. Sarà possibile effettuare dimostrazioni pratiche di alcuni esami

Rende (CS), 15 maggio 2019 - Pericolose e potenzialmente invalidanti, subdole e molto diffuse ma ancora troppo spesso sottovalutate. Sono le malattie reumatiche, oltre 150 diverse patologie che…
13/05/19

TUMORI: CENA DI BENEFICENZA DI “INSIEME CONTRO IL CANCRO”
IL PROF. COGNETTI: “RACCOGLIAMO FONDI PER PREVENZIONE E RICERCA”

Il presidente della Fondazione: “Ogni anno 150mila nuove diagnosi potrebbero essere evitate seguendo uno stile di vita sano”

Roma, 13 maggio 2019 – Nel nostro Paese ogni anno circa 150mila nuovi casi di tumore potrebbero essere evitati seguendo stili di vita sani (no al fumo, attività fisica costante e dieta corretta) e…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522