Medinews
6 Maggio 2014

VALUTAZIONE DEL PROFILO MUTAZIONALE IN PAZIENTI GIAPPONESI CON ADENOCARCINOMA POLMONARE MEDIANTE TEST MULTI-TARGET: STUDIO PROSPETTICO MONOCENTRICO

I dati di questo studio prospettico di genotipizzazione tumorale nei pazienti con adenocarcinoma del polmone suggeriscono che l’uso di una piattaforma multi-dosaggio potrà offrire l’opportunità di ampliare il range delle terapie a target molecolare nel tumore polmonare. L’integrazione di un profilo mutazionale per identificare le alterazioni genetiche più importanti in ambito clinico è necessaria per facilitare la personalizzazione della cura nel tumore del polmone. I ricercatori giapponesi hanno sviluppato un pannello di genotipizzazione del tumore e iniziato uno studio prospettico, il Shizuoka Lung Cancer Mutation Study, di genotipizzazione tumorale. Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer (leggi abstract), riporta la frequenza delle alterazioni genetiche più importanti nei pazienti giapponesi con adenocarcinoma polmonare e le correlazioni clinico-patologiche per ciascun genotipo. Tra luglio 2011 e gennaio 2013, gli autori hanno arruolato 411 pazienti con adenocarcinoma, ricoverati presso lo Shizuoka Cancer Center, inclusi nello studio dopo aver firmato il consenso informato. I tessuti chirurgici asportati, le biopsie tumorali e/o i fluidi cavitari sono stati raccolti ed esaminati per 23 ‘hotspot’ di mutazioni importanti in 9 geni (EGFR, KRAS, BRAF, PIK3CA, NRAS, MEK1, AKT1, PTEN e HER2), amplificazioni geniche in 5 geni (EGFR, MET, PIK3CA, FGFR1 e FGFR2) e fusioni dei geni ALK, ROS1 e RET. I risultati indicano che sono state rilevate alterazioni genetiche nel 54.3% dei pazienti (223 di 411). Le più comuni in questo studio erano le mutazioni di EGFR (35.0%) seguite da quelle di KRAS (8.5%) e dalle fusioni di ALK (5.0%). Alterazioni genetiche concomitanti sono state rilevate in 22 pazienti (5.4%) e mutazioni di EGFR sono state osservate in 16 pazienti quali più comuni partner di alterazione genetica concomitante. Nei pazienti più anziani è stato osservato un numero significativamente maggiore di alterazioni genetiche concomitanti. In conclusione, secondo i ricercatori questo è uno degli studi prospettici di genotipizzazione tumorale più ampio condotto in pazienti giapponesi con adenocarcinoma polmonare. I dati suggeriscono che il profilo mutazionale, utilizzando una piattaforma di test multi-mutazionale, avrebbe valore per espandere il range delle terapie a bersaglio molecolare nel tumore del polmone.
TORNA INDIETRO