mercoledì, 21 aprile 2021
Medinews
5 Dicembre 2013

VALUTAZIONE CLINICA DELLA SOTTOCLASSIFICAZIONE DEL BARCELONA CLINIC LIVER CANCER STADIO B PER L’ANALISI DI SOPRAVVIVENZA

La nuova modifica propone tre sottostadi che potrebbero offrire una stratificazione migliore dei diversi pazienti e facilitare la scelta, per sottoclasse, tra le opzioni di trattamento

Per valutare l’utilità della sottoclassificazione (B1 – B4) dello stadio B del Barcelona Clinic Liver Cancer (BCLC) proposta da Bolondi et al. per i pazienti con carcinoma epatico trattati con chemio-embolizzazione endoarteriosa (TACE), secondo le attuali direttive del Barcelona Clinic Liver Cancer, ricercatori della University of Ulsan College of Medicine di Songpa-gu, Seul, hanno esaminato 466 pazienti in stadio BCLC B, inizialmente trattati con TACE. Il sistema di sottoclassificazione è stato testato e modificato sulla base della correlazione con gli esiti di sopravvivenza che sono stati analizzati con il metodo di Kaplan-Meier e il test log-rank. Nello studio pubblicato sulla rivista Journal of Gastroenterology and Hepatology (leggi abstract), 101 (21.7%), 232 (49.8%), 35 (7.5%) e 98 (21.0%) pazienti erano, secondo la sottoclassificazione proposta da Bolondi et al., rispettivamente in stadio B1, B2, B3 e B4. Gli autori di questo studio hanno osservato una differenza significativa del tempo di sopravvivenza mediana nei pazienti in stadio B1 e B2 (41.0 vs 22.1 mesi; p < 0.001) e in quelli in stadio B2 e B3 (22.1 vs 14.1 mesi; p = 0.004), ma non in quelli in stadio B3 e B4 (14.1 vs 17.2 mesi; p = 0.48) e quindi hanno sviluppato una sottoclassificazione modificata, in cui la sottoclasse B3 è stata riunita a B4, nel sottostadio BIII, mentre BI e BII corrispondevano a B1 e B2. I tempi di sopravvivenza mediani erano diversi nelle tre sottoclassi modificate (41.0 vs 22.1 vs 17.0 mesi; p < 0.001) e l’analisi multivariata di Cox ha rivelato che le sottoclassi dello stadio BCLC B, modificate, potevano predire in modo indipendente la sopravvivenza globale (hazard ratio 1.92 e 2.78 per BII e BIII vs BI; p < 0.001 per ciascuna comparazione). In conclusione, la sottoclassificazione modificata che suddivide lo stadio B del Barcelona Clinic Liver Cancer in 3 sottostadi potrebbe essere un efficace strumento per stratificare questa popolazione eterogenea e per facilitare la scelta tra le opzioni di trattamento per sottoclasse.


Liver Cancer Newsgroup – Numero 12 – Dicembre 2013
TORNA INDIETRO