giovedì, 30 giugno 2022
Medinews
9 Gennaio 2012

USA, IN CALO IL NUMERO DI MORTI PER CANCRO

Continua a diminuire negli Stati Uniti il numero di morti per cancro con un calo annuo dell’1,8 per cento per gli uomini e dell’1,6 per cento delle donne tra il 2004 e il 2008. Questi i numeri presentati nel meeting annuale della Società Americana sul Cancro che ha mostrato, tuttavia, alcuni dati preoccupanti come l’aumento di incidenza di alcuni tipi di tumore. Il documento, pubblicato su CA: A Cancer Journal for Clinicians, si è basato sui dati di diversi archivi che raccolgono informazioni sul cancro negli Stati Uniti. Tra le cifre evidenziate c’e’ quella sul declino della mortalità tra il 1990 e il 2009 di ben il 22,9 per cento negli uomini e del 15,3 per cento delle donne. Si evidenzia inoltre anche una diminuzione dell’incidenza del cancro. Sebbene il numero totale dei casi sia in aumento, tra il 2004 e il 2008 l’incidenza e’ diminuita dello 0,6 per cento negli uomini mentre per le donne e’ rimasta stabile. Tuttavia, alcuni tipi di cancro sono in aumento, come quello al fegato, alla tiroide, al pancreas, ai reni, all’esofago e il melanoma. Le ragioni ”non si conoscono con esattezza”, anche se in parte può essere spiegato con la crescita dell’obesità della popolazione e una ”migliore diagnosi precoce”, come spiega il documento americano. Questa riduzione di mortalità a partire dal 1991 significa che sono state evitate più di un milione di morti per cancro (732mila uomini e 291mila donne). Tuttavia, i tumori al polmone, alla prostata, alla mammella e al colon rimangono le principali cause di morte. ”Questi quattro tipi di cancro rappresentano quasi la metà delle morti per cancro negli uomini e nelle donne”, si legge nel rapporto. ”Si stima che nel 2012, il cancro al polmone sarà responsabile del 26 per cento dei decessi nelle donne e del 29 per cento dei decessi tra gli uomini”, ha aggiunto. Il fumo rimane ancora il principale fattore di rischio per questa malattia.
TORNA INDIETRO