sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
4 Agosto 2010

TRATTAMENTO DEL CARCINOMA EPATICO IN FASE PRECOCE E PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

Terapie neo-adiuvanti o ‘ponte’ per il trapianto possono prevenire le recidive perché i fattori prognostici sono poco riconoscibili all’esame istologico se il tumore è ancora in fase precoce

Il tumore del fegato, in fase precoce o molto precoce, la cui stadiazione clinica coincida con la diagnosi istologica, mostra esiti migliori in termini di recidiva e sopravvivenza dopo un potenziale trattamento curativo. Gli autori dell’articolo pubblicato nella rivista Digestive Liver Diseases (leggi abstract originale) spiegano che ciò si verifica perché i fattori predittivi di recidiva del carcinoma epatico, come l’invasione vascolare microscopica e le metastasi satellite, sono scarsamente visibili all’esame istologico nelle fasi iniziali del carcinoma. Altri fattori predittivi di recidiva sono le dimensioni della lesione principale, il numero delle lesioni, il grado istologico, le caratteristiche di firma di diversi geni, molto promettenti per il futuro della pratica clinica, e di altre caratteristiche meno predittive, come elevate concentrazioni di alfa-fetoproteina e di transaminasi, o l’aneuploidia cellulare. Le terapie adiuvanti e neo-adiuvanti sono state proposte per ridurre il rischio di recidiva del carcinoma epatico dopo trattamenti potenzialmente curativi. Queste terapie preventive sono focalizzate su trattamenti extra-tumorali, come retinoidi o interferone, ritenuti efficaci nella prevenzione delle recidive tardive perché influenzano l’evoluzione del tessuto dallo stadio pre-maligno alla cirrosi, o su trattamenti tipicamente tumorali, che utilizzano procedure in grado di ridurre lo stadio del tumore (downstaging), come le terapie neo-adiuvanti o ‘terapie ponte’ per il trapianto, che influenzano principalmente le recidive precoci. Entrambe le strategie possono essere combinate ad esempio con sorafenib, che agisce sia sul tessuto epatico in stadio pre-maligno che sulle cellule tumorali epatiche.

Liver Cancer Newsgroup – Numero 8 – Agosto 2010
TORNA INDIETRO