lunedì, 25 ottobre 2021
Medinews
13 Maggio 2014

TASSO DI IDENTIFICAZIONE DIAGNOSTICA DI ADENOMI E RISCHIO DI TUMORE DEL COLON-RETTO E MORTE

Il tasso di identificazione diagnostica di adenomi sarebbe inversamente associato ai rischi di tumore d’intervallo del colon-retto, di cancro d’intervallo in stadio avanzato e fatale. La percentuale di esami di colonscopia di screening eseguiti da un medico che rileva uno o più adenomi (tasso di identificazione diagnostica di adenomi) è una misura di qualità raccomandata. Tuttavia, poco è noto circa l’associazione tra questo tasso e i rischi dei pazienti di un successivo tumore del colon-retto (tumore d’intervallo) e di morte. I ricercatori statunitensi, utilizzando i dati di un’organizzazione sanitaria integrata, hanno valutato le associazioni tra il tasso di identificazione diagnostica di adenomi e i rischi di tumore del colon-retto diagnosticato nel periodo intercorso tra 6 mesi e 10 anni dopo la colonscopia e di morte correlata al tumore. Utilizzando la regressione di Cox, le stime del rischio attribuibile sono state aggiustate per le caratteristiche demografiche dei pazienti, per le indicazioni della colonscopia e per le condizioni co-esistenti. Nello studio pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine (leggi abstract), gli autori hanno esaminato 314872 colonscopie eseguite da 136 gastroenterologi, con tassi di identificazione diagnostica di adenomi che variavano tra 7.4 e 52.5%. Durante il periodo di follow-up, i ricercatori hanno identificato 712 adenocarcinomi colorettali d’intervallo, che includevano 255 tumori in stadio avanzato e 147 decessi per tumore d’intervallo del colon-retto. Il rischio non aggiustato di tumore d’intervallo secondo i quintili dei tassi di identificazione diagnostica di adenoma, dal più basso al più alto, erano rispettivamente 9.8, 8.6, 8.0, 7.0 e 4.8 casi per 10000 persone-anno di follow-up. Tra i pazienti di medici con tassi di identificazione diagnostica di adenoma nel quintile più alto, rispetto ai pazienti di medici con tassi di identificazione diagnostica nel quintile più basso, l’hazard ratio aggiustato per ogni tumore d’intervallo era 0.52 (intervallo di confidenza [IC] 95%: 0.39 – 0.69), per il tumore d’intervallo in stadio avanzato era 0.43 (IC 95%: 0.29 – 0.64) e per il tumore d’intervallo fatale era 0.38 (IC 95%: 0.22 – 0.65). Ogni incremento dell’1.0% nel tasso di identificazione diagnostica di adenomi era associato a una riduzione del 3.0% del rischio di tumore (hazard ratio 0.97, IC 95%: 0.96 – 0.98). In conclusione, il tasso di identificazione diagnostica di adenomi era inversamente associato ai rischi di tumore colorettale d’intervallo, tumore d’intervallo in stadio avanzato e fatale.
TORNA INDIETRO