sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
6 Luglio 2010

TAGLI A SPESA SANITARIA AUMENTANO MORTALITA’ CARDIOVASCOLARE

I tagli alla spesa sanitaria portano un aumento della mortalità per cause legate a malattie cardiovascolari che seguono nell’ordine, suicidi e tumori, prime cause da ‘decessi per crisi’. A sostenerlo, uno studio pubblicato sul British Medical Journal da un gruppo di studiosi dell’Università di Oxford guidati da David Stuckler, nel quale vengono messi in evidenza gli effetti sulla salute causati da tagli alla spesa sanitaria pari a circa 80 euro a persona. Lo studio, condotto su 15 Paesi europei Italia compresa, ha messo in evidenza gli effetti causati dai tagli alla spesa sociale – asili nido, assistenza disabili e anziani, pensioni e maternità – e alla spesa sanitaria – ricoveri, farmaci, interventi chirurgici – dal 1980 al 2005: e in particolare è emerso che 80 euro in meno a persona nei servizi sanitari significano un aumento, nello specifico, del 3,15% della mortalità legata ai suicidi, dello 0,82% dei decessi per tumori maligni e dello 0,28% dei morti a causa di malattie cardiovascolari.

Asca
TORNA INDIETRO