Medinews
13 Maggio 2013

SVILUPPO DI UN ‘PERFORMANCE DATA SUITE’ PER AIUTARE LA RAPIDA PROGRESSIONE DI UNA UNITÀ GIORNALIERA DI CHEMIOTERAPIA

Una procedura snella permette di ottenere una forte struttura base atta a migliorare conoscenze e gestione delle limitazioni di un sistema complesso nell’ambito di una ‘unità giornaliera di chemioterapia’ (Chemotherapy Day Unit, CDU), ottenendo un migliore accesso alle cure e ridotti tempi d’attesa, nella stessa giornata. Il team multidisciplinare del Peter MacCallum Cancer Centre di Melbourne in Australia ha sviluppato un ‘performance data suite’ per aiutare a migliorare un progetto di servizio basato su principi snelli di produzione nei 19 posti della loro CDU e ‘cytosuite’, che serve alla preparazione di chemioterapici. Scopo del progetto era ridurre il tempo d’attesa del paziente e migliorare l’imparzialità di accesso alla CDU. Il gruppo di progetto, costituito da un farmacista e un infermiere di CDU, ha affiancato per 10 mesi il gruppo di gestione nell’arruolare personale e utenti per identificare gli aspetti inutili dei processi utilizzati, per analizzare le cause originarie, eliminare i passaggi senza valore, ridurre la variazione ed eguagliare i carichi di lavoro, per migliorare qualità e flusso. A questo scopo sono state utilizzate la mappatura del processo, la tracciabilità del personale e dei pazienti e la raccolta di opinioni, ‘audit’ delle cartelle cliniche e interrogazione delle cartelle elettroniche di trattamento. Nello studio pubblicato sulla rivista Journal of Oncology Practice (leggi abstract), i risultati indicano che il progetto ha portato a una riduzione del 38% dei tempi mediani d’attesa entro la stessa giornata (da 32 a 20 minuti; p < 0.01), a una riduzione di 7 giorni del tempo per l’inizio del trattamento nei pazienti che ricevevano regimi combinati di chemioterapia (da 25 a 18 giorni; p < 0.01) e a una riduzione del 22% dello spreco associato a eliminazione dei farmaci scaduti e alla nuova preparazione da parte della farmacia (dal 29 al 7%; p < 0.01). Il miglioramento dell’efficienza ha permesso alla ‘cytosuite’ di aumentare del 29% (dal 47 al 76%; p < 0.01) la percentuale di prodotti preparati entro 10 minuti dal momento dell’appuntamento. In conclusione, una metodologia snella di miglioramento ha permesso di ottenere una forte struttura atta a migliorare le conoscenze e la gestione delle limitazioni del sistema complesso nell’ambito di una CDU, ottenendo un migliore accesso alle cure e una riduzione dei tempi d’attesa nella stessa giornata.
TORNA INDIETRO