mercoledì, 25 novembre 2020
Medinews
14 Marzo 2011

SUNITINIB PER IL TRATTAMENTO DEI TUMORI NEUROENDOCRINI AL PANCREAS

La somministrazione continua di sunitinib alla dose di 37.5 mg/die sembra migliorare il tasso di sopravvivenza e risposta nei pazienti con cancro al pancreas neuroendocrino in stadio avanzato. L’inibitore multitarget della tirosin-chinasi, sunitinib, aveva mostrato spiccata attività verso i tumori del pancreas neuroendocrino in modelli preclinici e in studi clinici di fase 1 e 2. Quindi, i ricercatori dell’Hôpital Beaujon di Clichy in Francia hanno condotto uno studio di fase 3, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato contro placebo con sunitinib in pazienti con tumori al pancreas neuroendocrino ben-differenziati in stadio avanzato. Tutti i pazienti avevano manifestato progressione della malattia, documentata nei 12 mesi precedenti all’inizio della sperimentazione (baseline), secondo la definizione dal Response Evaluation Criteria in Solid Tumors. La randomizzazione (rapporto 1:1) dei 171 pazienti ha previsto la migliore cura di supporto in associazione a sunitinib (37.5 mg/die) o a placebo. Endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, endpoint secondari includevano la percentuale di risposta oggettiva, la sopravvivenza globale e la sicurezza del trattamento. Lo studio pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine (leggi abstract originale) è stato interrotto in anticipo, dopo che il comitato indipendente di monitoraggio dei dati e della sicurezza ha osservato un maggior numero di morti e di eventi avversi più gravi nel gruppo destinato a placebo e una differenza di sopravvivenza libera da progressione che favoriva il gruppo randomizzato a sunitinib. La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 11.4 mesi nel gruppo trattato con il farmaco e di 5.5 mesi in quello a placebo (HR per progressione o morte 0.42, intervallo di confidenza [IC] 95%: 0.26 – 0.66; p < 0.001). L’analisi del rischio proporzionale di Cox della sopravvivenza libera da progressione, in base alle caratteristiche iniziali, ha favorito il sunitinib in tutti i gruppi studiati. La percentuale di risposta oggettiva è stata del 9.3% nel gruppo con sunitinib, rispetto a 0% nel placebo. Al punto di cut-off dei dati, 9 decessi sono stati registrati nel gruppo in trattamento con sunitinib (10%) rispetto a 21 nel gruppo placebo (25%) (HR per morte 0.41, IC 95%: 0.19 – 0.89; p = 0.02). Gli eventi avversi, più frequenti nel gruppo in trattamento con sunitinib, sono stati diarrea, nausea, vomito, astenia e fatigue. I risultati suggeriscono quindi che la somministrazione continua giornaliera di sunitinib alla dose di 37.5 mg migliora la percentuale di sopravvivenza libera da progressione, sopravvivenza globale e risposta oggettiva rispetto al placebo nei pazienti con tumori neuroendocrini del pancreas in stadio avanzato.
TORNA INDIETRO