giovedì, 2 febbraio 2023
Medinews
8 Giugno 2010

STAMINALI DA SACCO AMNIOTICO PER RIPARARE DANNI DA INFARTO

Una nuova e non controversa fonte di cellule staminali, prelevate dal sacco amniotico, può riparare i danni provocati al cuore dagli infarti. Lo ha dimostrato uno studio giapponese pubblicato dalla rivista Circulation Research. I ricercatori hanno usato le cellule prelevate dalla membrana amniotica, la parte interna del ‘sacco’ che racchiude il feto durante la gestazione. “La membrana amniotica è considerata un rifiuto”, ha spiegato Shunichiro Miyoshi, della Keio university di Tokyo, “invece dovrebbe essere recuperata e conservata”. Le cellule sono state utilizzate per produrre tessuto cardiaco, e secondo lo studio il 33% di quello ottenuto ‘batteva’ spontaneamente. Inoltre iniettando le cellule cardiache in cavie due settimane dopo un infarto la loro funzione cardiaca ha avuto un miglioramento fino al 39%, mentre l’area danneggiata del cuore è diminuita del 20%. Inoltre le cellule non hanno mostrato nessun tipo di rigetto, in quanto ottenute dalla membrana amniotica che non esprime una proteina fondamentale nel riconoscimento da parte del sistema immunitario.

Agi – Circulation Research
TORNA INDIETRO