Medinews
16 Aprile 2013

SPESA SANITARIA: NEL 2012 -0,7 %, PREVISTI INCREMENTI NEI PROSSIMI 4 ANNI

Nel 2012 la spesa sanitaria italiana è diminuita dell’0,7%, passando così dai 111,593 miliardi del 2011 a 110,842. Sono questi alcuni dei dati contenuti nel DEF, il documento di economia e finanza approvato la scorsa settimana dal Consiglio dei Ministri. Nel 2013 la quota di spesa pubblica per il comparto sanitario ammonterà a 111,1 miliardi. Nel dettaglio il Governo prevede una quota di 36,75 miliardi di euro per il personale (+0,1%), una contrazione dell’1,1% per i consumi intermedi a 29,4 miliardi e un aumento dello 0,5% a 39,7 miliardi per le prestazioni acquisite da produttori market. Nella riduzione per i consumi intermedi sono tuttavia esclusi i farmaci ospedalieri. Nel periodo 2014-2017 è prevista invece una crescita della spesa sanitaria a un tasso medio annuo dell’1,9% rispetto al 2013, da 110,8 a quasi 120 miliardi euro. L’incidenza della sanitaria sul PIL nel 2013 si attesta al 7,1% per poi scendere lievemente fino al 6,7% nel 2017. “La governance implementata in materia sanitaria – si legge nel DEF -, ha consentito di conseguire negli ultimi anni un significativo rallentamento della dinamica della spesa. Infatti, a fronte di una variazione media annua della spesa sanitaria pari al 7% nel periodo 2000-2006, nel successivo periodo 2006-2012 la variazione media annua è risultata pari all’1,4%. Nel prossimo triennio -prosegue il documento del Governo – dovrebbe confermarsi tale dinamica, anche per effetto delle manovre previste nel settore che prevedono, tra l’altro, una riorganizzazione del sistema sanitario anche per effetto della razionalizzazione della rete ospedaliera”.
TORNA INDIETRO