sabato, 28 novembre 2020
Medinews
21 Febbraio 2011

SIFO: OK AI FARMACI A DOMICILIO MA CON ATTENTI CONTROLLI

“Sì ai farmaci ospedalieri recapitati direttamente al domicilio di persone colpite da gravi malattie croniche, che devono essere assistite nella loro abitazione, ma solo “con attenti controlli”. E’ quanto auspicano la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) e il Sindacato Nazionale dei Farmacisti Dirigenti del SSN (SINaFO), in merito all’attuazione dell’intesa tra Poste e Farmindustria che mira a distribuire a domicilio alcuni medicinali. Un accordo che ha determinato anche la nascita di un apposito tavolo congiunto di garanzia con la Federazione Ordini Farmacisti Italiani (FOFI). “I farmaci così consegnati sono di uso ospedaliero, sarebbero limitati a pazienti selezionati non autosufficienti, da analizzare caso per caso nei singoli contesti locali”, spiega Laura Fabrizio, presidente SIFO. “La nostra Società auspica che il progetto sia portato avanti con la massima garanzia di sicurezza per questi pazienti. Per una sua corretta attuazione, SIFO confida nel ruolo di garanzia di FOFI – poiché rappresentativa di tutti i farmacisti italiani- per monitorare la distribuzione del farmaco a domicilio del paziente in ogni sua fase, promuovendo la continuità ospedale-territorio e salvaguardando la professionalità del farmacista, ma soprattutto per assicurare ai pazienti uniformi garanzie di qualità dei processi di assistenza farmaceutica in ogni area del Paese essi risiedano”.
TORNA INDIETRO