giovedì, 26 novembre 2020
Medinews
15 Maggio 2009

SACCONI: ENTRO 15 GIUGNO RISPOSTE DA REGIONI INEFFICIENTI

Le Regioni impegnate nei piani di rientro devono presentare atti convincenti entro il 15 giugno. Lo ha affermato il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ricordando che entro il 30 del mese prossimo sarà deciso l’eventuale commissariamento delle regioni inadempienti. Intervenendo ad un convegno su “Il libro bianco della sostenibilità del sistema del welfare”, Sacconi ha osservato che il sistema della deterrenza ha avuto effetto e che la minaccia del commissariamento ha condotto ad un “passo diverso” nelle regioni meridionali. Il ministro ha sottolineato che la crisi economica “esalta l’accelerazione delle riforme nel Mezzogiorno e impone un maggior controllo della finanza pubblica sulle dinamiche di spesa”. Quindi ha ribadito che “è assurdo” parlare di tagli alla sanità: nel 2009 le risorse sono state incrementate significativamente e sono ipotizzabili 4,5 miliardi in più nel 2010-2011 rispetto al precedente patto della salute; “sono risorse aggiuntive – ha fatto notare Sacconi – ma soprattutto corrispondono ad una diversa dinamica che si traduce in maggiore efficienza e garantisce più servizi e non meno servizi nelle aree più arretrate del Paese”.
TORNA INDIETRO