venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
20 Aprile 2010

RISCHIO DI CANCRO AL PANCREAS E USO DI FARMACI ANTINFIAMMATORI

L’esposizione a lungo termine a farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) potrebbe essere associata ad una riduzione del rischio di cancro pancreatico. L’uso di Fans è stato in passato legato al rischio di sviluppare cancro al pancreas, ma i risultati degli studi epidemiologici erano discordanti. Ricercatori della Queen’s University di Belfast in Irlanda del Nord hanno condotto uno studio caso-controllo ‘nested’ entro il UK General Practice Research Database. I casi (n = 1141) avevano ricevuto diagnosi di cancro primario del pancreas esocrino tra gennaio 1995 e giugno 2006, i controlli (n = 7954) erano accoppiati a ciascun caso per sito ambulatoriale, sesso e anno di nascita. Analisi di regressione logistica condizionale sono state usate per generare odds ratio (OR) e intervalli di confidenza (IC 95%) associati all’uso dei Fans rispetto al non uso. I risultati dello studio pubblicato nella rivista British Journal of Cancer (leggi abstract originale) indicano che un uso saltuario di Fans nei 5 anni precedenti alla data di registrazione o di entrata nel database (escludendo l’anno prima della diagnosi) non è stato associato al rischio di sviluppare cancro al pancreas: OR 0.96 (IC 95%: 0.84-1.10) e 1.03 (IC 95%: 0.89-1.19), rispettivamente. Invece, l’esposizione a Fans per più di 773 giorni, nei 5 anni prima della diagnosi, è stata associata ad un ridotto rischio di cancro pancreatico (OR 0.78, IC 95%: 0.62-0.97), in particolare con uso di basse dosi di Fans a lungo termine (5 anni o più) (OR 0.70, IC 95%: 0.49-0.99).
TORNA INDIETRO