domenica, 19 settembre 2021
Medinews
6 Ottobre 2009

RISCHIO CADIOVASCOLARE: RICERCA IN GB, ABITUDINI POCO SANE TOLGONO 10 ANNI DI VITA

A partire dai 50 anni d’età, gli uomini che fumano, sono ipertesi e con il colesterolo alto rischiano di morire 10 anni prima dei loro coetanei che non hanno tali fattori di rischio. I ricercatori hanno analizzato oltre 19.000 dipendenti pubblici di età compresa fra 40 e 69 anni e li hanno seguiti per 38 anni. Lo studio, pubblicato dal British Medical Journal, è iniziato nel 1967-70, quando i casi di malattie cardiovascolari hanno toccato un picco nella Gran Bretagna. I ricercatori inoltre hanno scoperto una differenza di 15 anni nell’aspettativa di vita tra il 5% dei soggetti con il maggior numero di fattori di rischio e il 5% che aveva il minor numero di fattori di rischio. Robert Clarke, della Clinical Trial Service Unit dell’Università di Oxford, che ha diretto lo studio, spiega: “Abbiamo dimostrato che gli uomini che a 50 anni fumano, hanno la pressione alta e il colesterolo alto possono aspettarsi di vivere fino a 74 anni, mentre quelli che non hanno nessuno dei tre fattori di rischio possono aspettarsi di arrivare a 83 anni. E’ proprio questo tipo di studi, con un follow-up di molti anni, che riesce a produrre risultati significativi: anche piccole differenze nei fattori di rischio cardiovascolari possono tradursi in notevoli differenze nell’aspettativa di vita”.

Agi – British Medical Journal
TORNA INDIETRO