domenica, 29 novembre 2020
Medinews
6 Settembre 2011

RIDERE HA EFFETTI POSITIVI SULLA FUNZIONE VASCOLARE. AL VIA IN ITALIA BE HAPPY, BE HEALTHY

Guardare un film che fa ridere ha effetti positivi sulla funzione vascolare, mentre una pellicola che provoca stress mentale determina una reazione vasale negativa. La conferma giunge dai ricercatori della Maryland School of Medicine di Baltimora, negli Usa, in uno studio presentato al meeting della European Society of Cardiology (ESC) 2011 di Parigi. “L’idea di studiare le emozioni positive come la risata – ha spiegato il coordinatore della ricerca, Michael Miller – è nata circa 10 anni fa a seguito degli studi che dimostravano come lo stress mentale causi vasocostrizione”. Nello studio americano, 300 persone con o senza malattia cardiaca sono state sottoposte alla visione di segmenti di un film divertente come “Tutti pazzi per Mary” oppure di una pellicola mentalmente stressante come “Salvate il sodato Ryan”. Sono state eseguite oltre 300 misurazioni angiografiche trovando una differenza del 30-50% del diametro dei vasi sanguigni tra chi aveva appena visto passaggi del film divertente (vasodilatazione arteriosa) e chi era stato sottoposto a quello stressante (vasocostrizione). “L’ampiezza del cambiamento che abbiamo osservato nell’endotelio dopo le risate – ha spiegato Miller – è coerente e simile al beneficio che si può verificare con l’attività aerobica o l’uso di statine. L’endotelio è in prima linea nello sviluppo dell’arteriosclerosi, quindi è molto probabile che ridere su base regolare sia utile alla prevenzione come parte di uno stile di vita complessivamente sano. Ora si rende necessario uno studio clinico randomizzato per determinare se le emozioni positive possano ridurre effettivamente gli eventi cardiovascolari”. “La risata abbassa la frequenza cardiaca e riduce il rilascio di sostanze neuroendocrine vasocostrittrici come le catecolamine – ha spiegato Roberto Ferrari, past president dell’ESC e presidente della “Fondazione Anna Maria Sechi per il Cuore” (FASC) -. Inoltre, stimola la produzione di endorfine che hanno un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare del tutto simile all’attività fisica. Ma è più in generale il buonumore che fa bene. Nel nostro Paese tradurremo in pratica i risultati di queste ricerche nel primo progetto di prevenzione basato sulla promozione del buonumore promosso dalla FASC – ha continuato Ferrari –. Be happy, be healthy, che partirà in autunno, si basa sul valore protettivo e terapeutico della risata e utilizzerà la comicità in tv come strumento principale di prevenzione, come indicato dallo studio americano. Stiamo elaborando un nuovo programma ad hoc con attori e cabarettisti che ci vedrà impegnati direttamente, per garantire la massima scientificità. Ridere infatti è importante ma ovviamente da solo non basta e soprattutto non può sostituirsi all’esercizio fisico e a una dieta sana”.

Dall’ESC 2011
TORNA INDIETRO