sabato, 22 giugno 2024
Medinews
9 Ottobre 2012

RELAZIONE TRA PESO ALLA DIAGNOSI E AUMENTO DI PESO DOPO LA TERAPIA CON LA RECIDIVA DI CANCRO MAMMARIO IN STADIO INIZIALE

Le pazienti con tumore mammario in stadio iniziale aumentano di peso dopo il trattamento. I ricercatori dell’Ospedale “A. Perrino” e Unità di Statistica e Dipartimento di Salute Pubblica dell’ASL BR1 di Brindisi suggeriscono una correlazione tra l’aumento di peso dopo le terapie antitumorali e la recidiva e che queste donne potrebbero essere a più alto rischio di esiti sfavorevoli. La maggior parte degli studi condotti finora ha evidenziato un legame tra sovrappeso al momento della diagnosi di cancro della mammella in stadio iniziale e una sopravvivenza ridotta. Alcuni risultati suggeriscono un rischio maggiore di recidiva del tumore e morte nelle donne che aumentano di peso dopo la diagnosi. Tuttavia, la maggior parte degli studi pubblicati sono di tipo retrospettivo. Scopo di questo studio, prospettico, osservazionale, in singolo centro, era determinare se il peso alla diagnosi e l’aumento di peso dopo il trattamento fossero predittivi di recidiva per il tumore al seno. Lo studio, presentato al Congresso ESMO 2012 e pubblicato sulla rivista Annals of Oncology (vedi abstr. 2480P, pag. ix95), condotto tra agosto 2007 a marzo 2012, ha incluso 520 pazienti con tumore mammario in stadio iniziale (stadio I – IIIa), con età mediana di 55 anni (range: 28 – 81). In tutte le donne sono stati determinati peso e indice di massa corporea (IMC, kg/m2) prima del trattamento (basale, ≤ 1 mese dopo la chirurgia) e 24 mesi dopo il completamento della terapia (chemioterapia [CT] combinata o meno a radioterapia). L’analisi ha utilizzato il test del chi quadro (χ2) per determinare se esistesse una correlazione significativa tra recidiva del tumore mammario e le tre categorie di IMC alla diagnosi, cioè normopeso (IMC < 25; n = 179), sovrappeso (IMC = 25-30; n = 184) e obesità (IMC > 30; n = 157), e tra recidiva e variazioni del peso dopo terapia del tumore mammario in stadio precoce (perdita < 1 kg/m2 [n = 32], perdita > 1 kg/m2 [n = 64], aumento < 2 kg/m2 [n = 185]; aumento > 2kg/m2 [n = 145]). I risultati indicano che il 58% delle pazienti era in post-menopausa, l’89% aveva tumore in stadio I – II, il 69% ER+/PGR+, il 20% ER-/PGR-, il 20% HER2+, mentre il 72% si era sottoposto a chirurgia conservativa e radioterapia, il 57% aveva ricevuto CT e il 78% ha ricevuto terapia endocrina da sola o dopo CT. L’IMC mediano alla diagnosi era 26.8 e dopo il trattamento è risultato 27.7. A un follow-up mediano di 13 anni, 194 pazienti hanno sviluppato recidiva. In sintesi, i risultati indicano che 76 donne, tra le 145 incluse nel gruppo che ha presentano un aumento di peso > 2kg/m2, e 63, tra le 185 che avevano avuto un aumento di peso < 2kg/m2, hanno sviluppato recidiva dopo il trattamento (p = 0.0008). In conclusione, lo studio ha mostrato che le pazienti con tumore mammario in stadio iniziale aumentano di peso dopo il trattamento e che esiste una correlazione significativa tra incremento di peso dopo la terapia e lo sviluppo di recidiva. Questo suggerisce che proprio queste pazienti potrebbero essere maggiormente a rischio di esito sfavorevole.

Scarica il volume degli abstract del Congresso ESMO 2012
TORNA INDIETRO