mercoledì, 21 aprile 2021
Medinews
17 Settembre 2013

RECIDIVA LOCO-REGIONALE IN PAZIENTI CON TUMORE MAMMARIO HER2-POSITIVO

Secondo i ricercatori dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, il tumore mammario HER2/neu-positivo potrebbe avere ‘outcome’ migliori se trattato contemporaneamente con radioterapia esterna e trastuzumab, ma sottolineano anche l’importanza del recettore per il progesterone (PgR) e in questo studio pubblicato sulla rivista Breast (leggi abstract) offrono un’ulteriore stratificazione del rischio dei sottotipi luminali. La letteratura sul tumore mammario HER2/neu-positivo suggerisce che le cellule tumorali sono più sensibili all’apoptosi indotta dall’irradiazione perché questa ha come bersaglio la tirosin-chinasi appartenente alla famiglia del recettore del fattore di crescita epidermica. Gli investigatori hanno selezionato 466 pazienti con tumori pT1-2 HER2/neu-positivi che avevano ricevuto terapia adiuvante con trastuzumab per il tumore mammario primario invasivo. Le pazienti sono state suddivise in tre gruppi in base al trattamento chirurgico: quadrantectomia seguita da radioterapia convenzionale vs quadrantectomia seguita da radioterapia intra-operatoria con fascio di elettroni vs mastectomia senza radioterapia. Dopo un follow-up mediano di 52 mesi, l’incidenza cumulativa a 5 anni di recidiva loco-regionale (LRR) è risultata pari a 1.9, 11.5 e 5.0% rispettivamente nei tre gruppi di trattamento (p < 0.01). In analisi multivariata, l’invasione peri-vascolare estesa, lo stato luminale B HER2/PgR-negativo e la quadrantectomia seguita da radioterapia intra-operatoria con fascio di elettroni hanno significativamente aumentato il rischio di LRR. I risultati, dunque, suggeriscono che il tumore mammario HER2/neu-positivo potrebbe avere migliori ‘outcome’ se trattato simultaneamente con radioterapia esterna e trastuzumab. Inoltre, gli autori sottolineano l’importanza del recettore per il progesterone e di una nuova e ulteriore stratificazione del rischio tra i sottotipi di tumore luminale.
TORNA INDIETRO