mercoledì, 29 maggio 2024
Medinews
22 Giugno 2009

RADIOTERAPIA STEREOTASSICA NEL CARCINOMA SQUAMOSO DEL DISTRETTO TESTA-COLLO

L’irradiazione con radioterapia stereotassica corporea (SBRT – Stereotactic Body Radiation Therapy), che rilascia alte dosi di radiazione con precisione molto più elevata di altre tecniche in uso, è sicura ed efficace nei pazienti con carcinomi squamosi di testa e collo precedentemente irradiati. Lo studio clinico di fase I, pubblicato nella rivista International Journal of Radiation Oncology, Biology and Biophysics (leggi abstract originale), ha valutato la tollerabilità del trattamento con dose scalare di SBRT in 25 pazienti trattati con serie di 5 dosi crescenti fino a 44Gy, somministrate in due settimane di trattamento. La risposta al trattamento è stata determinata in accordo al RECIST (Response Evaluation Criteria in Solid Tumors) e alla variazione del valore standardizzato di ‘uptake’ di [(18)F]-fluorodeossiglucosio (FDG) alla PET/TAC. I ricercatori del Radiation Oncology Service, University of Pittsburg Cancer Institute non hanno osservato alcuna tossicità di grado 3-4 o dose-dipendente. Quattro pazienti hanno manifestato tossicità acuta di grado 1 e 2. Sono state osservate 4 risposte obiettive, con un tasso di risposta del 17% (intervallo di confidenza 95%: 2-33). La durata massima della risposta è stata 4 mesi. Dodici pazienti hanno manifestato stabilizzazione della malattia. Il tempo mediano alla progressione della malattia è stato 4 mesi e la sopravvivenza mediana globale era di 6 mesi. La qualità di vita manifestata dai pazienti non è stata significativamente alterata dal trattamento. Per la determinazione delle alterazioni del volume di assorbimento, la PET-FDG si confermava più sensibile come misura iniziale del trattamento rispetto alla TAC. Gli autori tuttavia suggeriscono la necessità di svolgere ulteriori valutazioni della SBRT in combinazione con terapie convenzionali e targeted.
TORNA INDIETRO