mercoledì, 2 dicembre 2020
Medinews
12 Marzo 2012

PREVISIONI 2012 DI MORTALITÀ PER TUMORI IN EUROPA

Ad eccezione del cancro al polmone nelle donne, in aumento, e di quello al pancreas, che rimane invariato, la mortalità per i maggiori tipi di cancro continuerà a diminuire anche nel 2012. L’analisi della stima attuale di mortalità per cancro è importante per definire le priorità di prevenzione e trattamento. I ricercatori dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ hanno utilizzato modelli logaritmici ‘joinpoint’ di Poisson dei dati di mortalità e popolazione del database dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e hanno stimato il numero di morti e i tassi standardizzati per età nel 2012 di tutti i tipi di cancro e localizzazione nei Paesi dell’Unione Europea (UE) e nei sei Stati più popolati. Nello studio pubblicato sulla rivista Annals of Oncology (leggi abstract originale) sono stati stimati 1283101 decessi per tumore nel 2012 in UE, di cui 717398 uomini e 565703 donne, corrispondenti a tassi standardizzati di mortalità globale per cancro di 139 decessi ogni 100000 uomini e 85 ogni 100000 donne. Il trend di riduzione iniziato nel 2007 ha raggiunto il 10% negli uomini e il 7% nelle donne. Nei primi, il declino riguarderà il tumore allo stomaco (-20%), le leucemie (-11%), il cancro al polmone e alla prostata (-10%) e al colon-retto (-7%), mentre nelle donne si ridurranno i tumori allo stomaco (-23%), le leucemie (-12%), il cancro a utero e colon-retto (-11%) e seno (-9%); rimarrà pressocché stabile invece la mortalità per cancro al pancreas (+2 – 3%), ma aumenterà nelle donne quella per tumore polmonare (+7%). Le più giovani, infine, beneficerebbero di una maggiore riduzione di mortalità per cancro al seno (-17%) in quasi tutti i Paesi dell’EU, eccetto la Polonia.
TORNA INDIETRO