martedì, 24 novembre 2020
Medinews
28 Giugno 2011

PRESENTATE LE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI

Definire un quadro di riferimento per la declinazione e l’aggiornamento delle strategie e delle azioni da mettere in atto da parte delle strutture sanitarie al verificarsi di un evento avverso. È questo l’obiettivo delle “Linee guida per gestire e comunicare gli eventi avversi in sanità”, elaborate dal Ministero della Salute, in collaborazione con esperti di Regioni e Province e di altre organizzazioni sanitarie nazionali. Le raccomandazioni, destinate alle strutture sanitarie, sono state organizzate nelle due fasi della gestione dell’evento e della comunicazione ai pazienti e al pubblico. Secondo il documento, la prima fase va condotta attraverso un’analisi accurata dell’evento avverso, che permetta l’identificazione delle cause e del contesto in cui si è sviluppato, nonché la predisposizione delle azioni di miglioramento e di valutazione delle stesse. Il secondo livello comprende, oltre alla comunicazione a paziente e familiari e a un’informazione istituzionale su stampa pubblica e di settore, l’attivazione delle azioni di supporto agli operatori coinvolti e il sostegno per una definizione stragiudiziale dell’eventuale contenzioso. L’approccio proposto è stato pensato per gli ospedali, ma può essere utilizzato anche nei livelli di cura extra-ospedaliera. Si tratta comunque di linee guida generali, che Regioni, PA e strutture sanitarie dovranno declinare sulla base delle specifiche procedure operative e dei diversi approcci seguiti, in particolare, da un punto di vista assicurativo e di valutazione dei rischi.
TORNA INDIETRO