domenica, 5 febbraio 2023
Medinews
28 Settembre 2010

PRE-DIABETE AUMENTA IL RISCHIO DI INFARTO E ICTUS, ESSENZIALE LA PREVENZIONE

Un insieme di condizioni note per accompagnare o preannunciare il diabete di tipo 2, tra cui obesità e glicemia elevata, potrebbe più che raddoppiare il rischio di sviluppare malattie cardiache. Inoltre, i risultati di un nuovo studio pubblicato su Journal of American College of Cardiology suggeriscono che tali fattori possano influire negativamente sul rischio cardiovascolare anche in assenza di diabete conclamato. I ricercatori della McGill University, a Montreal, Canada, hanno esaminato 87 studi, che includevano un totale di quasi un milione di pazienti. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che la sindrome metabolica – cioè la presenza di almeno tre dei seguenti fattori di rischio cardiovascolare: obesità, pressione e glicemia elevate, alti livelli di colesterolo “cattivo” LDL e bassi livelli di ” buon “colesterolo HDL – aumenta di due volte o più il rischio di malattie cardiovascolari, infarto e ictus. I pazienti con la sindrome hanno avuto anche un 50% in più di probabilità di decesso per qualsiasi causa. Gli effetti negativi della sindrome metabolica appaiono più forti nelle donne rispetto agli uomini, e sostenuti anche in assenza di diabete di tipo 2. La prevenzione e la riduzione della sindrome metabolica “è essenziale per ridurre le malattie cardiovascolari e per salvare vite umane – afferma Mark Eisenberg, che ha diretto lo studio – ricordando perciò il valore preventivo dei controlli periodici e le modifiche allo stile di vita, come la dieta e l’esercizio fisico”.

Reuters – Journal of American College of Cardiology
TORNA INDIETRO