sabato, 28 gennaio 2023
Medinews
18 Maggio 2010

PER LE REGIONI IN ROSSO NIENTE FONDI FAS, DOVRANNO AUMENTARE LE TASSE

Le regioni con la sanità in rosso saranno probabilmente costrette ad aumentare le tasse. Il Consiglio dei ministri ha infatti diffuso un comunicato in cui si legge che ”in considerazione del mancato raggiungimento degli obiettivi previsti dai piani di rientro e dagli equilibri di finanza pubblica, il Cdm ha concordato circa l’impossibilità di esprimere l’intesa prevista dall’articolo 2, comma 90, della legge finanziaria per il 2010 e di non potere pertanto consentire alle regioni Lazio, Campania, Molise e Calabria di utilizzare le risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate, relative ai programmi di interesse strategico regionale, a copertura dei deficit del settore sanitario”. Entrando nel merito, il ministero della Salute ha spiegato che ”le regioni non hanno dato garanzie ai tavoli tecnici di monitoraggio per quanto attiene la sicurezza di avere dei conti certi da un lato, e soprattutto di aver avviato processi di riqualificazione della rete assistenziale. Non dando questo tipo di garanzie siamo in una situazione che non può consentire di utilizzare i fondi Fas come un bancomat”. “In altre parole – ha chiarito il ministro Fazio – i fondi Fas devono essere utilizzati non certo per ripianare deficit senza nessuna speranza, ma potranno essere usati nel momento in cui le Regioni daranno concrete dimostrazioni di voler avviare dei processi di risanamento: a questo punto i fondi Fas potranno essere sbloccati”.
TORNA INDIETRO