giovedì, 2 febbraio 2023
Medinews
24 Marzo 2010

NUOVO TARGET DI HIF NEL CARCINOMA RENALE ASSOCIATO A VHL

L’espressione di Ror2 è alterata in vari tumori, ma è anche direttamente legata alla via VHL-HIF, comunemente alterata nel tumore del rene

Ror2 è un recettore orfano della tirosin-chinasi la cui espressione è normalmente limitata alle fasi precoci dello sviluppo. Tuttavia, recenti studi hanno evidenziato un’espressione aberrante di Ror2, che porta a fenotipo invasivo, in molti tumori incluso il carcinoma renale. Sebbene al momento si sia osservata una ‘upregulation’ di Ror2 in vari tumori, né il ruolo della regolazione, né il meccanismo d’azione sono stati approfonditi. Ricercatori dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill hanno valutato il coinvolgimento di Ror2 nella via più frequentemente alterata nel carcinoma renale, la perdita del gene di soppressione tumorale di von Hippel Lindau (VHL) che provoca stabilizzazione del fattore indotto da ipossia (HIF)-1alfa e -2alfa e l’attivazione della trascrizione di un’ampia gamma di geni di risposta. Gli autori dello studio pubblicato nella rivista Journal of Biological Chemistry (leggi abstract originale) hanno osservato che Ror2 è effettivamente associato a perdita di pVHL nel carcinoma renale e a mutazioni somatiche di VHL che sono strettamente legate allo sviluppo del carcinoma renale. Inoltre, l’analisi di soppressione (knockdown) e di recupero dell’espressione di HIF suggerisce che Ror2 dipende dalla stabilizzazione patologica di HIF-1alfa o HIF-2alfa. Un’altra valutazione del promoter Ror2 suggerisce anche che HIF-2alfa e il suo partner di dimerizzazione, la aril-carbossi transferasi nucleare (ARNT), si localizzano nel promoter Ror2 attraverso un elemento di trascrizione non conosciuto. Questi dati confermano un pattern unico di regolazione per Ror2 nell’asse VHL-HIF che potrebbe potenzialmente essere applicato ad altre eziologie tumorali.


Renal Cancer Newsgroup – Numero 3 – Marzo 2010
TORNA INDIETRO