mercoledì, 6 luglio 2022
Medinews
10 Marzo 2017

Nivolumab in metastatic urothelial carcinoma after platinum therapy (CheckMate 275): a multicentre, single-arm, phase 2 trial

Patients with metastatic urothelial carcinoma have a dismal prognosis and few treatment options after first-line chemotherapy. Responses to second-line treatment are uncommon. We assessed nivolumab, a fully human IgG4 PD-1 immune checkpoint inhibitor antibody, for safety and activity in patients with metastatic or surgically unresectable urothelial carcinoma whose disease progressed or recurred despite previous treatment with at least one platinum-based … (leggi tutto)

Studio prospettico multicentrico di fase II a braccio singolo teso a valutare l’efficacia di nivolumab in monoterapia, in pazienti con carcinoma dell’urotelio metastatico in precedenza sottoposti a trattamento con chemioterapia platino contenente. L’obiettivo primario era il tasso di risposte obiettive radiologiche valutato con revisione centralizzata ed in accordo all’espressione di PDL-1 (≥ 5% vs ≥ 1%). Tale studio ha dimostrato un significativo beneficio clinico (risposte obiettive globali pari al 19,6% in 265 soggetti trattati), indipendentemente dall’espressione di PD-L1, con un accettabile profilo di tollerabilità. Questo studio ha supportato l’approvazione da parte di FDA di nivolumab nel carcinoma dell’urotelio in fase avanzata dopo chemioterapia contenente platino.
TORNA INDIETRO