venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
6 Dicembre 2010

MUTAZIONI NEL GENE GNA11 NEL MELANOMA UVEALE

Un gruppo di ricercatori canadesi e statunitensi valutando la presenza di mutazioni geniche in melanomi uveali hanno osservato mutazioni somatiche nei geni GNAQ o GNQ11 nell’83% dei campioni analizzati. L’attivazione costitutiva della via cellulare che coinvolge entrambi i geni sembra essere la principale causa di sviluppo di melanoma uveale. Il melanoma uveale è il più comune cancro intraoculare. Al momento non esistono terapie efficaci per la malattia metastatica. Mutazioni in GNAQ, gene che codifica per la subunità alfa delle proteine G etero-trimeriche, sono state osservate nel 40% dei melanomi uveali. Gli autori dello studio hanno sequenziato l’esone 5 di GNAQ e GNA11, paralogo di GNAQ, in 713 neoplasie melanocitiche diversi (186 melanomi uveali, 139 nevi blu, 106 nevi diversi e 282 altri melanomi). Anche l’esone 4 di GNAQ e GNA11 è stato sequenziato in 453 campioni e in tutti gli esoni codificanti di GNAQ e GNA11 in 97 melanomi uveali e 45 nevi blu. I risultati dello studio pubblicato sulla rivista New England Journal of Medicine (leggi abstract originale) e finanziato dai National Institutes of Health americani hanno indicato mutazioni somatiche nell’esone 5 (che altera Q209) e nell’esone 4 (che altera R183) in entrambi i geni GNAQ e GNA11, secondo un pattern mutualmente esclusivo. Mutazioni che alterano Q209 in GNA11 erano presenti nel 7% dei nevi blu, nel 32% dei melanomi uveali primari e nel 57% delle metastasi di melanomi uveali. Al contrario, le mutazioni che alterano Q209 in GNAQ erano presenti nel 55% dei nevi blu, nel 45% dei melanomi uveali e nel 22% delle metastasi di melanomi uveali. Le mutazioni che alterano R183 in uno dei due geni GNAQ o GNA11 erano invece meno prevalenti (2% dei nevi blu e 6% dei melanomi uveali) delle mutazioni che alterano Q209. Infine, le mutazioni in GNA11 sono state osservate indurre tumori che metastatizzavano spontaneamente in un modello murino e stimolare la via cellulare della protein-chinasi mitogeno-attivata (Gq/11).
TORNA INDIETRO