martedì, 24 novembre 2020
Medinews
8 Giugno 2009

MEDICINA DIFENSIVA, 8 CHIRURGHI SU 10 AMMETTONO DI PRATICARLA

Il timore di essere trascinati in tribunale dai malati o dai loro familiari tiene in ostaggio i medici italiani. In particolare i chirurghi, il 78% dei quali ammette di avere fatto ricorso alla cosiddetta medicina difensiva per prevenire eventuali contenziosi legali. Lo rileva un’indagine empirica promossa dalla Società italiana di chirurgia, condotta fra luglio e novembre 2008 su un campione di 307 medici. La ricerca è stata presentata all’università Cattolica di Milano, durante la tavola rotonda ‘Il problema della medicina difensiva e la responsabilità penale nell’attività sanitaria: una proposta di riforma’. A organizzare l’incontro il Centro studi ‘Federico Stella’ sulla giustizia penale e la politica criminale (Csgp) della Cattolica, che per l’occasione ha lanciato una proposta di riforma legislativa con l’obiettivo di gestire in modo più efficace i contenziosi in ambito sanitario. Dei 307 chirurghi intervistati l’83% dichiara di avere inserito in cartella clinica annotazioni evitabili; il 69,8% confessa di avere proposto il ricovero di un paziente in ospedale nonostante il malato fosse gestibile ambulatorialmente, e il 61,3% non nasconde di avere prescritto un numero di esami diagnostici maggiore rispetto al necessario. E ancora. Il 58,6% degli intervistati dice di avere fatto ricorso alla consultazione non necessaria di altri specialisti; il 51,5% di avere prescritto farmaci non necessari, e il 26,2% di avere escluso pazienti a rischio da alcuni trattamenti, oltre le normali regole di prudenza. Quanto alle principali motivazioni che inducono a comportamenti difensivi, l’80,4% del campione intervistato dichiara appunto il timore di un contenzioso medico-legale. Proprio partendo dai dati dell’indagine Sic – coordinata da Gabrio Forti, docente di diritto penale e criminologia e direttore del Csgp, e da Maurizio Catino, docente di Sociologia all’università degli Studi di Milano-Bicocca – i relatori delineeranno i punti chiave di un progetto di riforma legislativa in tema di medicina difensiva e gestione del contenzioso legato al rischio clinico. “Un progetto – hanno spiegato gli esperti della Cattolica – imperniato attorno alla limitazione della responsabilità penale del sanitario per i soli casi di colpa grave, alla previsione di programmi di giustizia riparativa alternativi al processo penale, nonché a un nuovo assetto delle garanzie assicurative correlate all’erogazione delle prestazioni sanitarie”. I ricercatori del Csgp ricordano come “nell’arco di 10 anni, dal 1995 al 2005, il numero dei sinistri denunciati alle imprese di assicurazione in Italia, nel campo della responsabilità civile nel settore sanitario, sia passato da poco più di 17 mila a circa 28.500, facendo registrare un incremento del 65% (Ania, 2007)”.
TORNA INDIETRO