mercoledì, 8 febbraio 2023
Medinews
15 Giugno 2010

MARINO, AL VIA FASE VERIFICA EFFICIENZA 8 REGIONI

”Nella prima fase dell’inchiesta sull’analisi comparativa dell’efficienza, della qualità e dell’appropriatezza delle ASL sono emerse forti differenze tra le diverse regioni e all’interno delle stesse. Da oggi andremo a verificare le criticità emerse, appuntando la nostra attenzione, in particolare, su otto regioni: Lombardia, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Molise, Campania, Calabria e Sicilia”. Ad annunciare l’inizio della seconda fase dell’inchiesta sulle performance in sanità è il Presidente della Commissione parlamentare sull’efficacia e l’efficienza del SSN, il Senatore Ignazio Marino. ”L’inchiesta che – ricorda Marino – vede relatore di maggioranza il Senatore Fabio Rizzi e di minoranza il Senatore Lionello Cosentino, è partita con un’analisi condotta su 39 indicatori selezionati. Sulla base dei dati ottenuti andremo adesso a verificare alcuni dei risultati: in Lombardia, dove la performance risulta buona, specie in ambito ospedaliero, ma dove bisogna chiarire alcune criticità nella gestione del day surgery, nell’offerta delle vaccinazioni e nei tassi di ricovero per diabete oltre ad alcuni aspetti della spesa farmaceutica; in Emilia Romagna, che ha una performance nel complesso ottima, ma dimostra problematiche relative alle alte ospedalizzazioni per diabete e dove va investigato l’impiego del ricovero diurno; in Umbria dove emergono criticità come il trattamento delle fratture di femore e l’indice di fuga dei pazienti verso altre regioni; nel Lazio, regione dalla performance mediocre, con inefficienze negli ospedali (tempi delle degenze chirurgiche, tempi di degenza preoperatoria e tempi di attesa per le riparazioni delle fratture di femore); nel Molise, la cui performance risulta complessivamente mediocre; in Campania, Calabria e Sicilia, tutte regioni con indici assai poveri di efficienza, efficacia e qualità delle cure mediche”.
TORNA INDIETRO