domenica, 4 dicembre 2022
Medinews
25 Luglio 2011

MANOVRA: DECRETO MINISTERO SALUTE STABILISCE ESENZIONI PER PATOLOGIE CRONICHE

Le esenzioni dai ticket per le malattie croniche sono indicate nel decreto ministeriale 329 del 1999 e dalle sue modificazioni. Lo precisa, in una nota, il Ministero della Salute. Per essere incluse nell’elenco allegato al decreto, prosegue la nota, le malattie devono presentare caratteristiche rispondenti ai criteri generali definiti dal d.lgs. 124/98: gravità clinica, grado d’invalidità e onerosità della quota di partecipazione derivante dal costo del relativo trattamento. Per valutare l’entità del trattamento si prende in considerazione il ticket richiesto per l’esecuzione delle prestazioni e la frequenza con la quale esse devono essere compiute. Il provvedimento prevede il diritto all’esenzione per le prestazioni individuate tra quelle incluse nei livelli essenziali e uniformi di assistenza, nonché assoggettate alla partecipazione al costo ai sensi della normativa vigente (ad esempio, non è presa in considerazione l’assistenza farmaceutica che, a livello nazionale, non è assoggettata a ticket). Le prestazioni erogabili in esenzione rispondono ai criteri di appropriatezza ai fini del monitoraggio dell’evoluzione della malattia e di efficacia ai fini della prevenzione dei nuovi aggravamenti (d.lgs. 124/98, art 5 comma 2). In particolare, il d.m. 329/99 e successive modifiche definisce per ogni malattia e condizione cronica ed invalidante l’insieme di prestazioni esenti, tenendo conto delle necessità di prevenire i nuovi aggravamenti e le complicanze più frequenti e monitorare gli effetti collaterali del trattamento. L’esenzione deve essere richiesta all’Azienda Usl di residenza presentando un certificato medico che attesti la presenza di una o più malattie incluse nel d.m. 28 maggio 1999, n. 329 e successive modifiche. Il certificato deve essere rilasciato da un presidio ospedaliero o ambulatoriale pubblico.
TORNA INDIETRO