sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
6 Luglio 2010

LIVELLI ALTI DI TESTOSTERONE COLLEGATI A RISCHIO INFARTO

I livelli testosterone negli uomini sembrano collegati al rischio infarto, almeno secondo una ricerca presentata al congresso dell’Endocrine Society a San Diego, Usa. “Molti uomini assumono supplementi di testosterone per diversi problemi clinici, inclusi le disfunzioni erettili e i disturbi dell’umore”, afferma l’autore della ricerca Kristen Sueoka della University of California di San Francisco. “Questi uomini potrebbero essere inconsapevoli che si stanno ponendo a maggior rischio di eventi cardiovascolari”, aggiunge il ricercatore. Nello studio finanziato dal National Institutes of Health statunitense, Sueoka e i colleghi hanno analizzato i livelli di testosterone e l’incidenza di disturbi cardiaci in 700 uomini adulti di età compresa tra i 65 e i 70 anni, nessuno dei quali era stato sottoposto a terapie precedenti a base di testosterone. Dopo un periodo di studio di 4 anni, 100 soggetti (il 14%) ha accusato disturbi cardiaci ed è stato sottoposto a diversi interventi clinici ristabilire la corretta circolazione delle arterie, come l’angioplastica o il bypass aortoconarico. Verificando il legame tra i livelli di testosterone e i disturbi cardiaci, i ricercatori hanno verificato che gli uomini con i livelli più elevati di testosterone andavano incontro di un’incidenza doppia di eventi cardiovascolari rispetto agli uomini con i livelli più ridotti di questo ormone. “Un giorno, la misura del testosterone potrebbe essere usata per prevedere la probabilità di sviluppare eventi cardiaci”, ha dichiarato Kristen Sueoka, “ma abbiamo bisogno di ulteriori studi per confermare l’attendibilità di questo legame”.

Pensiero scientifico
TORNA INDIETRO