sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
6 Aprile 2010

L’ITALIA RICOMINCIA A FUMARE

A cinque anni dalla legge Sirchia che ha bandito il fumo nei locali pubblici, dal ministero della Salute arrivano una speranza e un allarme. La speranza: la mortalità per eventi cardiovascolari legati alla sigaretta è diminuita dal 2005 a oggi dell’11% nella fascia di età più a rischio (tra 35 e 64 anni), grazie alla riduzione del fumo passivo. L’allarme: nel 2009 – rivelano dati Istat – la percentuale di fumatori è salita al 23%, un punto percentuale in più dopo cinque anni stabili attorno al 22. L’aumento dei fumatori riguarda sia i maschi (28,6%) sia le femmine (16,3%). Gli studi che facevano ben sperare sono due: quello condotto a Roma – pubblicato su Circulation – dal Dipartimento di epidemiologia dell’Asl romana e quello, più recente, presentato da un’équipe di ricercatori dell’Università di Torino, pubblicato sull’European Heart Journal.

Agi
TORNA INDIETRO