sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
8 Giugno 2010

L’INFARTO NON DEVE LIMITARE IL SESSO E I MEDICI DOVREBBERO DARE INDICAZIONI PRECISE

Chi è reduce da un infarto può continuare ad avere una vita sessuale normale. La buona notizia arriva da uno studio presentato al recente convegno dell’American Heart Association. Dalla ricerca, condotta su più di 1.600 persone, è emerso che avere rapporti sessuali con il proprio partner non comporta infatti particolari rischi. Peccato, però, che questo messaggio non sia ancora arrivato alla maggior parte degli infartuati i quali, una volta usciti dall’ospedale, tendono ancora troppo spesso a dare un taglio alla propria attività sessuale, considerandola erroneamente un potenziale pericolo per un nuovo attacco cardiaco. Dai dati raccolti, gli esperti statunitensi hanno potuto constatare che spesso sono gli stessi medici a non fornire ai pazienti informazioni pratiche su come riprendere la propria attività sessuale: meno della metà degli uomini e meno di un terzo delle donne non ha infatti avuto alcuna indicazione. Ma anche gli stessi pazienti si sono rivelati restii ad affrontare il tema, tant’è che meno del 40% dei pazienti uomini e meno di una donna su cinque ha pensato di chiedere suggerimenti.

Corriere.it
TORNA INDIETRO