Medinews
24 Giugno 2014

LANZETTA: NEL NUOVO PATTO PER LA SALUTE 3,7 POSTI LETTO OGNI 1000 ABITANTI

“Il nuovo patto per la salute 2014-2016 contiene l’indicazione programmatoria e organizzativa degli standard dei posti letto ospedalieri, che le Regioni devono attuare per una razionalizzazione strutturale della rete ospedaliera”. E’ quanto ha affermato il Ministro per gli Affari regionali, Maria Carmela Lanzetta rispondendo ad un question time alla Camera dei Deputati. “La riduzione del numero di posti letto – ha sottolineato Lanzetta – sarà dall’attuale standard di 4 per 1000 abitanti al 3,7 per mille, comprensivi di 0,7 posti per la riabilitazione e la lungodegenza postacuzie. In questo modo intendiamo adeguare coerentemente le dotazioni organiche dei presidi ospedalieri pubblici ed assumere, come riferimento, un tasso di ospedalizzazione pari a 160 per 1000 abitanti, di cui il 25% sarà riferito a ricoveri diurni”. “Il nuovo patto – ha proseguito il Ministro – prevede di realizzare un’azione di programmazione in ambito territoriale, con il trasferimento di risorse dall’ospedale al territorio, attraverso cui sarà possibile affrontare efficacemente anche i temi dell’invecchiamento e delle cronicità e così garantire la sostenibilità futura dei sistemi sanitari. Inoltre aumenteranno le competenze in ambito clinico ed assistenziale dei servizi residenziali e domiciliari, per affrontare in questi contesti le problematiche di salute ora di competenza degli ospedali. Il nuovo patto – ha concluso Lanzetta -, deve provvedere al riordino delle cure primarie, per sviluppare anche la sanità di iniziativa, orientata alla promozione attiva della salute, attraverso la prevenzione e l’educazione ai corretti stili di vita”.
TORNA INDIETRO