mercoledì, 21 aprile 2021
Medinews
13 Gennaio 2014

LA VALUTAZIONE PRE-OPERATORIA DEL MARGINE CIRCONFERENZIALE DI RESEZIONE CON RISONANZA MAGNETICA PREDICE LA SOPRAVVIVENZA LIBERA DA MALATTIA E LA RECIDIVA LOCALE: RISULTATI DEL FOLLOW-UP A 5 ANNI DELLO STUDIO MERCURY

La determinazione pre-operatoria dello stato del margine circonferenziale di resezione (CRM), misurato con risonanza magnetica (RMI) ad alta risoluzione, sarebbe superiore ai criteri dell’American Joint Committee on Cancer (AJCC) TNM nel valutare il rischio di recidiva locale (LR), sopravvivenza libera da malattia (DFS) e sopravvivenza globale (OS). La rilevanza prognostica della valutazione del coinvolgimento del CRM, con RMI pre-operatoria ad alta risoluzione, è attualmente sconosciuta. Questo studio di follow-up di 374 pazienti con tumore rettale, pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology (leggi abstract), descrive la relazione tra valutazione RMI pre-operatoria con stadiazione CRM, stadio AJCC TNM e variabili cliniche della OS, DFS e del tempo alla LR. I ricercatori inglesi e svedesi hanno sottoposto i pazienti a un protocollo di MRI pelvica ad alta risoluzione: una distanza del tumore alla fascia mesorettale ≤ 1 mm indicava un CRM coinvolto (misurato con RMI). Un modello di rischio proporzionale di Cox è stato usato in analisi multivariata per determinare la relazione della valutazione RMI di CRM con la sopravvivenza dopo aggiustamento per covariate pre-operatorie. I pazienti sopravviventi sono stati seguiti per un periodo mediano di 62 mesi: la OS a 5 anni è risultata pari al 62.2% nei pazienti con CRM libero (con RMI), rispetto al 42.2% nei pazienti con CRM coinvolto (con RMI) con hazard ratio (HR) di 1.97 (IC 95%: 1.27 – 3.04; p < 0.01). La DFS a 5 anni era pari al 67.2% (IC 95%: 61.4 – 73.0) con CRM libero, rispetto al 47.3% (IC 95%: 33.7 – 60.9) con CRM coinvolto, con un HR di 1.65 (IC 95%: 1.01 – 2.69; p < 0.05). La recidiva locale con CRM coinvolto (con RMI) aveva un HR di 3.50 (IC 95%: 1.53 – 8.00; p < 0.05) e un CRM coinvolto, con RMI, era l’unico parametro pre-operatorio di stadiazione che rimaneva significativo per OS, DFS e LR in analisi multivariata. In conclusione, la valutazione pre-operatoria con risonanza magnetica ad alta risoluzione dello stato del margine circonferenziale di resezione è superiore ai criteri AJCC TNM nella determinazione del rischio di recidiva locale, sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza globale. Inoltre, il coinvolgimento del margine circonferenziale di resezione, misurato con RMI, è significativamente associato alle metastasi a distanza; quindi, i team di specialisti del tumore del colon-retto potrebbero intensificare concordemente trattamento e follow-up per migliorare gli ‘outcome’ di sopravvivenza.
TORNA INDIETRO