Medinews
3 Marzo 2015

JOBS ACT: AL VIA IL PART TIME PER TUTTI I PAZIENTI COLPITI DA GRAVI MALATTIE

Tutti i lavoratori colpiti da gravi malattie potranno trasformare il proprio contratto da tempo pieno in part time di tipo orizzontale o verticale. E’ questa una delle novità contenuta nei decreti attuativi del Jobs Act appena varati dal Consiglio dei Ministri. “Abbiamo introdotto una norma di civiltà – ha sottolineato il Ministro del Walfare Giuliano Poletti, – stabilendo che in caso di gravi patologie croniche, degenerative e ingravescenti, oltre a quelle oncologiche già previste, i lavoratori del settore pubblico e privato potranno esercitare il diritto di trasformare il contratto di lavoro. Quando una persona si trova in questa situazione, non può essere, infatti, posta dinanzi l’alternativa tra recarsi al lavoro o restare a casa”. “Il part-time per i lavoratori malati di cancro è il risultato dell’azione della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) e dell’Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici (AIMaC) – ha sottolineato Elisabetta Iannelli segretario generale della FAVO -. Nel 2003 abbiamo ottenuto dal ministero del walfare questo strumento di inclusione socio-lavorativa. La norma è stata inserita nella riforma del mercato del lavoro e dal 2007 è estesa anche al pubblico impiego e, in parte, ai lavoratori che assistono familiari malati di cancro. Con i decreti attuativi del Jobs Act questa tutela sarà ampliata, giustamente, alle altre patologie gravi – afferma la Iannelli -. Le associazioni dei malati oncologici sono orgogliose di aver contribuito ad aprire una breccia nella tutela del welfare”.
TORNA INDIETRO