mercoledì, 8 febbraio 2023
Medinews
7 Dicembre 2010

IPERTENSIONE REFRATTARIA AI FARMACI: LA DENERVAZIONE RENALE OPZIONE SICURA ED EFFICACE

L’intervento di asportazione selettiva delle terminazioni nervose renali, effettuato via catetere, costituisce una terapia sicura in grado di diminuire in modo significativo i parametri pressori nei pazienti ipertesi per i quali i farmaci non sono sufficienti. È la conclusione dello studio Semplicity Htn-2 i cui risultati finali sono stati presentati a Chicago al Congresso dell’American Heart Association. In questo studio condotto in Europa e Australia, 160 pazienti con valori di pressione sistolica =/> 160 mmHg (150 nei diabetici di tipo 2), nonostante l’uso di tre o più farmaci antipertensivi, sono stati divisi in due gruppi: al primo è stato effettuato l’intervento di denervazione con mantenimento del trattamento in corso, mentre i pazienti del secondo gruppo hanno semplicemente proseguito la terapia loro assegnata. Gli interventi hanno avuto un elevato tasso di successo. A un follow-up di sei mesi, l’84% del gruppo con denervazione renale ha mostrato una diminuzione di pressione sistolica pari o superiore a 10 mmHg rispetto al 35% del gruppo di controllo. Ciò si è tradotto in una quota di pazienti denervati che ha raggiunto il valore target <140 mmHg in sei mesi, pari al 39% contro il 6% dei controlli.

DoctorNews – Lancet
TORNA INDIETRO