venerdì, 24 settembre 2021
Medinews
22 Settembre 2009

IPERTENSIONE: PIU’ A RISCHIO CHI VIVE IN STRADA RUMOROSA

Le persone che vivono vicino a una strada rumorosa rischiano di sviluppare l’ipertensione. A sostenerlo, uno studio svedese: l’equipe della Lund University ha scoperto che il rischio cresceva al di sopra di un’esposizione media giornaliera di 60 decibel, che e’ quella cui e’ sottoposto circa un abitante su quattro nell’Europa occidentale. Secondo l’ipotesi degli studiosi svedesi, il rumore causa stress e probabilmente problemi di sonno e cio’ porta a sviluppare la pressione alta (pur non dimenticando che altri fattori di rischio contano molto nell’ipertensione, come il fumo e l’alimentazione). L’equipe della Lund ha analizzato i questionari completati da quasi 28.000 persone, nonche’ il rumore del traffico nei quartieri di residenza dei partecipanti allo studio. Gli scienziati hanno cosi’ scoperto che oltre i 60 decibel il rischio di pressione alta saliva di oltre il 25%. Sopra i 64 decibel il rischio saliva di oltre il 90%, anche se erano pochissimi i soggetti che vivevano in aree cosi’ rumorose e quindi il risultato potrebbe non essere corretto. Queste conclusioni, scrivono i ricercatori svedesi sulla rivista Environmental Health, sono preoccupanti perche’ la pressione alta e’ una patologia grave, in quanto aumenta le probabilita’ di soffrire di un infarto o ictus. Da notare che il collegamento tra rumore del traffico e ipertensione e’ risultato evidente solo nei soggetti piu’ giovani di 60 anni. Questo perche’, secondo gli i ricercatori della Lund, dopo quell’eta’ si diventa meno sensibili al rumore o si soffre comunque gia’ di pressione alta per altri motivi.

Agi – Environmental Health
TORNA INDIETRO