venerdì, 3 febbraio 2023
Medinews
23 Novembre 2010

INFARTO: TENORE DI VITA INCIDE DI PIU’ SUL RISCHIO RISPETTO A QUALITA’ DELL’ASSISTENZA

Caratteristiche della popolazione come la povertà, il basso tenore e lo stile di vita (fumo) o la prevalenza del diabete, sono più importanti della qualità dei servizi di assistenza sanitaria di base (come il numero di medici o delle prestazioni offerte rispetto agli obiettivi nazionali), relativamente al rischio di decesso per infarto. E’ la conclusione dello studio condotto presso il dipartimento di Scienze della Salute dell’Università di Leicester, in Gran Bretagna. Tuttavia, il 10% delle differenze nella distribuzione geografica dei tassi di mortalità è spiegabile con il successo delle cure primarie e dei servizi sanitari che riescono a individuare in tempo i pazienti ipertesi. Lo studio conferma pertanto una relazione diretta tra pressione alta e tassi di mortalità per malattie coronariche in ampie aree abitate. Nessun altro fattore sanitario esaminato dall’équipe guidata da Steve Levene dell’Università di Leicester è risultato in grado di incidere sul rapporto tra ipertensione e mortalità, e i risultati sono rimasti tali per 3 anni consecutivi di analisi dei dati, 2006, 2007 e 2008.

Gaianews.it
TORNA INDIETRO