lunedì, 23 novembre 2020
Medinews
11 Ottobre 2011

INFARTO: RIABILITAZIONE CON ESERCIZIO FISICO DIMINUISCE LA MORTALITA’

Dopo l’infarto, l’esercizio fisico nell’ambito della riabilitazione cardiaca rappresenta tuttora una pratica troppo poco impiegata. Il motivo sembra risiedere nella mancanza di certezze riguardo l’effettiva efficacia di un programma di esercizi, specie per prevenire un secondo evento cardiaco. Perciò, ricercatori dell’Università McGill di Montréal (Canada), guidati da R. Lawler, hanno eseguito una meta-analisi sistematica sulla banca dati Medline selezionando 34 studi randomizzati controllati, per un totale di 6.111 pazienti, riguardanti gli effetti della riabilitazione cardiaca post-infarto mediante attività fisica programmata. Nel complesso, i pazienti assegnati ai gruppi con esercizi presentavano un rischio minore di tre esiti principali: un successivo infarto (probabilità nei gruppi che facevano attività fisica del 53%), mortalità cardiaca (64%) e mortalità per tutte le cause (74%). Nelle analisi stratificate gli effetti del trattamento sono risultati costanti indipendentemente dai periodi dello studio, dalla durata della riabilitazione cardiaca post-infarto o dal tempo trascorso dopo l’intervento. Da sottolineare, inoltre, che la riabilitazione cardiaca con training fisico ha mostrato effetti favorevoli su vari fattori di rischio cardiovascolare come fumo, pressione arteriosa, peso corporeo e profilo lipidico. Dall’analisi è emerso infine che i programmi di riabilitazione di più breve periodo possono tradursi in risultati migliori rispetto a quelli a lungo termine anche se, specificano gli autori, occorrono ulteriori ricerche per confermare tale evidenza.

DoctorNews – American Heart Journal
TORNA INDIETRO