giovedì, 2 febbraio 2023
Medinews
7 Dicembre 2010

INFARTO E ICTUS: TERAPIE E CONTROLLI INSUFFICIENTI PER I MALATI PIU’ ANZIANI

Gli anziani non vengono abbastanza trattati rispetto a quanto raccomandano le linee guida nazionali e internazionali. Nel caso delle malattie cardio-cerebrovascolari, che riguardano oltre il 60% degli over 65 e sono le patologie più frequenti in questa classe di età, si registra nel 76% dei casi un sostanziale sotto-trattamento farmacologico. E’ quanto affermato dagli esperti al Congresso nazionale della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG) tenutosi di recente a Firenze. Al convegno è emerso anche che al 12% dei pazienti con meno di 70 anni non vengono prescritti gli antipertensivi, ma la percentuale sale al 30% negli over 85. Le statine, principali farmaci per abbassare il colesterolo, hanno un crollo deciso, passando dal 12% di pazienti non trattati con meno di 70 anni al 50% degli over 85. Gli antiaggreganti non vengono prescritti al 17% degli over 85, mentre ai pazienti con meno di 70 anni le mancate prescrizioni si fermano solo al 3%. La spesa sanitaria annua pro capite per terapie e accertamenti in pazienti con recente infarto miocardico si riduce da 1.016 euro fra i 65 e i 69 anni a 453 euro negli ultra 85enni.
TORNA INDIETRO