Medinews
2 Dicembre 2014

INDICE DI MASSA CORPOREA E SOPRAVVIVENZA IN DONNE CON TUMORE MAMMARIO: REVISIONE SISTEMATICA DELLA LETTERATURA E META-ANALISI DI 82 STUDI DI FOLLOW-UP

L’obesità è stata associata a una sopravvivenza globale e cancro-specifica più sfavorevole nel tumore mammario che si manifesta sia prima che dopo la menopausa, indipendentemente dalla misura dell’indice di massa corporea (BMI). Un’associazione diretta tra obesità e sopravvivenza dopo la diagnosi di tumore mammario è stata dimostrata in precedenti meta-analisi di dati pubblicati, ma in questi studi erano riassunti soltanto i risultati del confronto tra pazienti obese vs non-obese. Ricercatori britannici, in collaborazione con colleghi norvegesi e statunitensi, hanno condotto una ricerca sistematica sui database di MEDLINE e EMBASE degli studi di follow-up di sopravviventi al tumore mammario con i dati di BMI prima e dopo la diagnosi e della mortalità totale e causa-specifica fino a giugno 2013, come parte del ‘World Cancer Research Fund Continuous Update Project’. Meta-analisi a effetti random sono state condotte per esplorare la grandezza e le caratteristiche delle associazioni. Nello studio pubblicato sulla rivista Annals of Oncology (leggi testo), gli autori hanno identificato 82 studi, che includevano 213075 sopravviventi al tumore mammario e 41477 decessi totali (23182 per tumore mammario). Rispetto alle donne normopeso, considerando il BMI prima della diagnosi, il rischio relativo (RR) riassuntivo di mortalità totale era 1.41 (intervallo di confidenza [IC] 95%: 1.29 – 1.53) nelle donne obese (BMI > 30.0), 1.07 (IC 95%: 1.02 – 1.12) in quelle sovrappeso (BMI compreso tra 25.0 e < 30.0) e 1.10 (IC 95%: 0.92 – 1.31) in quelle sottopeso (BMI < 18.5). Nelle donne obese, il RR riassuntivo era 1.75 (IC 95%: 1.26 – 2.41) nelle donne che avevano sviluppato il tumore mammario prima della menopausa e 1.34 (IC 95%: 1.18 – 1.53) per il tumore mammario in post-menopausa. È stato osservato che per ogni incremento di 5 kg/m2 nel BMI prima, < 12 mesi e ≥ 12 mesi dopo la diagnosi, il rischio aumentava rispettivamente del 17, 11 e 8% per la mortalità totale e rispettivamente del 18, 14 e 29% per la mortalità specifica per il tumore mammario. In conclusione, l’obesità è associata a una sopravvivenza globale e specifica per il cancro della mammella più sfavorevole nel tumore mammario diagnosticato prima e dopo la menopausa, indipendentemente dal BMI. Il sovrappeso è anche correlato a un più alto rischio di mortalità. Studi clinici randomizzati sono quindi necessari per valutare interventi di perdita e mantenimento del peso nelle sopravviventi al tumore mammario.
TORNA INDIETRO