mercoledì, 21 aprile 2021
Medinews
19 Luglio 2012

INCIDENZA E PROGNOSI A LUNGO TERMINE DEL CARCINOMA RENALE PAPILLARE VS CELLULE CHIARE

Nel primo si distinguono due sottogruppi: uno localizzato/limitato all’organo, con esiti favorevoli, l’altro avanzato/metastatico che ha prognosi peggiore del tumore a cellule chiare

Il carcinoma renale papillare è il secondo sottotipo più comune di tumore renale dopo quello a cellule chiare, tuttavia, le caratteristiche e la prognosi sono state meno studiate. Scopo dello studio pubblicato sulla rivista European Journal of Cancer (leggi abstract) era esaminare le caratteristiche tumorali e la prognosi a lungo termine del carcinoma renale papillare, rispetto a quello a cellule chiare. Un totale di 4941 pazienti valutabili è stato sottoposto a nefrectomia radicale o chirurgia ‘nephron-sparing’ per carcinoma renale papillare o a cellule chiare in cinque centri tedeschi (Ospedali Universitari di Hannover, Homburg/Saar, Mainz, Ulm e Marburg) tra il 1990 e il 2010. I pazienti con carcinoma renale papillare (n = 565) e a cellule chiare (n = 4376) avevano caratteristiche comparabili di età (media), sintomi clinici, differenziazione tumorale e metastasi ai linfonodi regionali. I pazienti con carcinoma papillare mostravano un tasso significativamente più alto di tumori confinati all’organo (pT1-2, N/M0; 74.9 vs 62.9%) rispetto all’istotipo a cellule chiare, minori metastasi viscerali sincrone (9.6 vs 15.2%) e un più alto tasso di sopravvivenza cancro-specifica a 5 anni (85.1 vs 76.9%). In analisi multivariata, il sottotipo papillare è stato identificato quale significativo fattore prognostico positivo nel tumore localizzato (HR 0.45), ma come fattore prognostico negativo negli stadi metastatici del tumore (HR 1.37). In conclusione, il carcinoma renale papillare può essere distinto in due sottogruppi: uno confinato/localizzato all’organo che presenta una prognosi significativamente migliore rispetto al sottogruppo in stadio avanzato/metastatico con esiti peggiori rispetto al carcinoma renale a cellule chiare.


Renal Cancer Newsgroup – Numero 6 – Luglio 2012
TORNA INDIETRO