mercoledì, 6 luglio 2022
Medinews
26 Aprile 2011

IN AUMENTO INCIDENZA DI CANCRO PER CONSUMO DI ALCOOL IN EUROPA

In Europa occidentale, un’elevata proporzione di casi di cancro può essere attribuita al consumo di alcool, specialmente quando la quantità è superiore a quella consentita. I dati dello studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal (leggi abstract originale) sostengono gli attuali sforzi dei governi di ridurre o abolire il consumo di alcool per diminuire l’incidenza di vari tipi di tumore. Ricercatori afferenti allo studio EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition), iniziato negli anni ’90 e concluso nel 2008, che ha coinvolto 109118 uomini e 254870 donne di età compresa tra 37 e 70 anni, hanno valutato il carico tumorale attribuibile al consumo corrente e passato di alcool in otto Paesi dell’Europa occidentale (Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Olanda, Grecia, Germania e Danimarca) basandosi sulle stime del rischio ottenute in uno studio di coorte. Gli investigatori europei hanno calcolato gli hazard ratio (HR) per esprimere il rischio relativo di incidenza di cancro in seguito a consumo corrente e passato di alcool nei partecipanti allo studio EPIC. Le percentuali di rischio sono state combinate con l’informazione rappresentativa del consumo di alcool per calcolare le frazioni dei tumori correlati al consumo di alcool, per Paese e sesso, per calcolare le percentuali parziali attribuibili ad un consumo di alcool superiore al limite massimo raccomandato (due bicchieri al giorno, corrispondenti a circa 24 g di alcool, negli uomini e un bicchiere, equivalente a circa 12 g di alcool, nelle donne) e la stima annuale totale del numero di casi di cancro attribuibili all’alcool. Se si assume la causalità, il 10% (intervallo di confidenza [IC] 95%: 7 – 13) e il 3% (IC 95%: 1 – 5) dell’incidenza di cancro totale, rispettivamente negli uomini e nelle donne, era attribuibile al consumo passato e corrente di alcool nei Paesi europei studiati. La classifica per tipo indica che il 44% (IC 95%: 31 – 56) e 25% (IC 95%: 5 – 46) dei tumori, rispettivamente nei maschi e nelle femmine, sarebbe localizzato nell’alto tratto aero-digestivo, il 33% (IC 95%: 11 – 54) e il 18% (IC 95%: -3 – 38) al fegato, il 17% (IC 95%: 10 – 25) e il 4% (IC 95%: -1 – 10) al colon-retto e il 5% (IC 95%: 2 – 8) al seno nelle donne. Un’elevata percentuale di cancro causato dall’alcool nel 2008 è stata associata ad un consumo superiore al limite massimo raccomandato, frazione che corrisponde a 33037 dei 178578 casi di cancro legati all’alcool negli uomini e a 17470 dei 397043 casi nelle donne.
TORNA INDIETRO